Archivi tag: mediaset

Zitti tutti, tranne uno

Non so se parlare anch’io di bavaglio all’informazione, ma di certo la decisione di irreggimentare i talk show politici nell’ultimo mese di campagna elettorale pone qualche problema serio. Il radicale Marco Beltrandi, relatore del provvedimento, ha provato a convincermi che si tratta di una decisione giusta e mi ha ribadito che niente viene cancellato: se Ballarò vuole continuare a parlare di crisi economica, ad esempio, può farlo invitando i protagonisti del settore, dagli industriali ai consumatori, dall’operaio al datore di lavoro, dal commercialista al disoccupato, dall’evasore fiscale incappucciato al parroco che paga le bollette della luce per le famiglie povere. Pure Emma Bonino ieri sera minimizzava, durante la puntata di Annozero, ma la realtà non ha bisogno di molte interpretazioni: chi d’ora in poi inviterà politici dovrà adeguarsi alle regole rigide delle tribune elettorali, che vanno dal contingentamento dei tempi all’inquadratura solo di chi parla (senza smorfie altrui), dall’assenza di applausi alla rotazione di tutte le forze politiche secondo criteri precisi. A me sembra che l’idea sia, con rispetto parlando, una tipica idea radicale: fermissima sui principi, ispirata all’onestà ed alla trasparenza, incontestabile in un mondo perfetto ed in un Paese diverso dall’Italia. Il problema principale, da noi, si chiama conflitto di interessi: la Commissione di vigilanza ha infatti potere solo sul servizio pubblico, mentre nulla può sulle tv private. Che purtroppo, qui da noi, hanno un unico proprietario. E togliere i talk show sulla Rai senza toglierli a Mediaset non mi pare un’idea geniale per garantire quell’equilibrio informativo che la par condicio richiederebbe: sulle reti pubbliche si va con il cronometro, gli ospiti a rotazione e le inquadrature fisse; su quelle del premier, invece, si fa un po’ come si vuole, a meno che non intervenga l’Agenzia per le comunicazioni. Siccome l’Agcom di solito abbaia parecchio e morde poco, e siccome Berlusconi straborda già di suo, possiamo capire tutti come andrà a finire. C’è un altro aspetto, poi, che diversi esperti del settore sottolineano: vuoi per il disinteresse generale verso i contenuti, vuoi per la spettacolarizzazione della politica e lo scivolamento dell’informazione nell’infotainment, obbligare la Rai alle tribune politiche in prima serata significa far crollare gli ascolti e dunque la pubblicità. Un altro favore a Mediaset, insomma, e stavolta dal punto di vista economico. I motivi per cui i deputati di Centrodestra abbiano votato una misura del genere, allora, sono facilmente comprensibili; volendo se ne trova anche un altro, che deriva da un calcolo politico: fermare Annozero, Ballarò e In mezz’ora, secondo loro, valeva bene il sacrificio di Porta a porta (che va sempre in seconda serata e dedica una puntata su tre a temi leggeri) ed il nuovo approfondimento di Paragone (che vedono in pochi). Si capisce anche l’atteggiamento dell’Udc, che – per tenere caldo il forno di destra – ha deciso di non uscire dalla Commissione insieme a noi, in modo da garantire il numero legale: poi, a cose fatte, Casini ha detto che si trattava di un provvedimento liberticida, tanto per non far raffreddare troppo il forno di sinistra. Resta da capire perché i radicali si siano prestati a questo gioco: un po’ è certamente per quell’atteggiamento più idealistico che pragmatico di cui parlavo sopra, un po’ per far pagare al Pd il sostegno alla decisione di escludere dagli spazi televisivi, nella prima fase della campagna elettorale, tutti i partiti minori tranne la Destra di Storace. Continuiamo a farci del male.

Protesi, non sondini

Non so se uno rimanga giornalista tutta la vita oppure no, ma il dibattito sulla tv mi appassiona sempre. Così, quando Enrico Mentana dà le dimissioni da Matrix per il buco sulla morte di Eluana, non posso fare a meno di pensare alla fortuna di Berlusconi, che in un colpo solo riconquista la fiducia del Vaticano e la seconda serata di Canale 5, da affidare prossimamente a gente più controllabile. E quando leggo la risposta di Maurizio Gasparri alla vignetta mostrata ieri sera da Vauro (Anche Gasparri chiede un minuto di silenzio. “Così si sentono meglio le stronzate che dico”), mi rendo sempre più conto della partita che si sta giocando sul controllo dell’informazione: passi per l’epiteto di “sciacalli” a Vauro e Santoro, ma la frase successiva del senatore Pdl (“Colpa di gestori della Rai che per fortuna stanno per essere cacciati come meritano”) parla più di un trattato. La cosa che mi è mancata davvero, in tutta questa storia di Eluana, è stata proprio un’informazione obiettiva: lo ha dichiarato anche il presidente dell’Agcom, l’Authority per le comunicazioni, denunciando l’asimmetria fra la quantità di informazioni date sulla vicenda e la loro bassa qualità. Si è puntato troppo sulle emozioni, da una parte e dall’altra, e lo strabordare di vis polemica ha portato tutti a schierarsi immediatamente, prima ancora di conoscere il problema a fondo. Ci rimangono negli occhi i litri d’acqua e i panini per Eluana sotto la clinica di Udine, i videotestamenti biologici rubati agli studenti all’uscita da scuola, le perle di saggezza raccolte al mercato tipo “io quella povera ragazza lì l’andavo a prendere con un coltello e me la portavo a casa mia, peccato che casa è piccola e in salone non c’entra”. Sì o no, tipo un sondaggio, e poi tutti via a vedere il Grande Fratello. Oppure la puntata di ieri sera di Porta a Porta, che nel giorno del funerale di Eluana Englaro non ha abbandonato il filone medico: ieri sera – con una mirabile trasmissione su botox e chirurgia estetica, conclusa dalla classifica delle tette più belle – Bruno Vespa ci ha riportato alla nostra dimensione reale. Protesi, non sondini.