Archivi tag: Lav

In cauda venenum

Alla Camera si è scatenato un putiferio, stamattina, sulla coda dei cani. Il che può far ridere alcuni – o peggio, può scandalizzarli: “Con tutti i problemi che ci sono in Italia, pensate alle code dei cani?” – ma in realtà a me non fa ridere per nulla, né credo che una riflessione seria sul rapporto con gli animali sia poco importante per un Paese che voglia dirsi civile. Ecco perché, quando è arrivata in Aula la ratifica della Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia, mi è venuta in mente una frase del Mahatma Gandhi: “La grandezza di una nazione ed il suo progresso morale possono essere valutati dal modo in cui vengono trattati i suoi animali”. Come già avevamo sperimentato sul tema della caccia, quando si parla di animali non c’è destra né sinistra: dal Pd al Pdl, in ogni partito convivono idee difficilmente conciliabili tra loro. La stessa Lega, che prende voti in un bacino elettorale ad alta densità di cacciatori, ha al proprio interno il sottosegretario Francesca Martini, che in questo anno e mezzo di legislatura è diventata un’icona dell’animalismo.  E proprio nella Lega è nato lo scontro di stamattina: tra la Martini, appunto, ed il suo collega di partito Stefani, che ha cercato di bloccare il divieto di tagliare le code dei cani. Potrei dire anche le code dei gatti, ma quelle non interessano a nessuno, mentre non è raro assistere a tagli di orecchie e di artigli. Il testo prevedeva che si potesse intervenire chirurgicamente sugli animali solo per motivi terapeutici, certificati da un veterinario; l’emendamento toglieva la dicitura “per motivi terapeutici” e la sostituiva con l’espressione “nell’interesse dell’animale”. In sostanza, è nell’interesse di un bracco avere la coda tagliata, perché altrimenti quando lo porti a caccia rischia di restare impigliato nei rovi. E su questo punto si è sviluppata una discussione molto accesa, nella quale sono intervenuto anch’io:

ANDREA SARUBBI. Signor Presidente, approfitto della possibilità che mi è data di parlare per aiutare a riflettere su un paio di punti. Il primo è in riferimento a quanto detto dall’onorevole De Angelis poco fa: egli diceva che chi si oppone al taglio della coda poi alla fine si oppone anche alla sterilizzazione degli animali. Evidentemente l’onorevole De Angelis non è molto addentro al mondo dell’animalismo, perché altrimenti saprebbe che, per esempio, la Lega antivivisezione è a favore delle campagne di sterilizzazione degli animali, ma è contraria a questo emendamento. Sono due cose essenzialmente diverse e sono contento di dirlo in presenza del sottosegretario Martini, che a questo tema sta dedicando molto tempo e lo sta facendo molto bene; la grande differenza sta nel concetto di benessere dell’animale, che a mio parere è un terreno molto scivoloso. Finché noi diciamo che un intervento chirurgico è possibile laddove ci sia un’esigenza terapeutica, allora andiamo sul sicuro, perché l’esigenza terapeutica è certificata da un medico veterinario e non stupisce il fatto che un medico veterinario come l’onorevole Mancuso sia contrario a questo emendamento. In questo caso dunque c’è chiarezza. Quando si dice, invece, che tutto può rientrare nel benessere dell’animale, allora si può dire tutto e il contrario di tutto: vincere un concorso di bellezza è benessere dell’animale o non lo è? Alcuni di voi direbbero di no, altri potrebbero dire di sì. Cacciare in maniera più efficace è benessere del bracco oppure no? Per me è benessere del cacciatore.
Vi chiedo quindi di ripensare questo concetto, perché mi sembra che piuttosto che parlare di benessere dell’animale qui stiamo parlando del benessere di due categorie, gli allevatori e i cacciatori, che hanno certamente diritto di cittadinanza nel nostro ordinamento e nella nostra società, ma non sono gli unici.
(Applausi dei deputati del gruppo Partito Democratico).

Alla fine, Stefani sarebbe stato disposto a ritirare il suo emendamento per far approvare un ordine del giorno di mediazione – che affidava la disciplina dei casi concreti ad un’ordinanza del governo – ma il dipietrista Cimadoro, cacciatore anche lui, ha annunciato che lo avrebbe fatto proprio, e così il ritiro non c’è stato. Si stava andando al muro contro muro (con spaccature all’interno di ogni partito), ma alla fine si è deciso di rimandare il tutto in Commissione per cercare un accordo. Robe di poco conto? Certamente meno importanti della fame nel mondo – un tema pressoché assente dal dibattito parlamentare – ma il benaltrismo (“I problemi sono ben altri”) non mi ha mai appassionato e mi auguro che non appassioni neanche voi.

Annunci

Cambia menù

In un momento di antipolitica fervente come quello attuale, la notizia passerà magari come un’altra trovata della casta: gli onorevoli deputati non si accontentano di quello che passa il ristorante di Montecitorio e decidono di cambiare menù, poverini. In realtà, il pranzo vegetariano di oggi alla Camera (costato parecchi mesi di organizzazione e mediazione tra la Lav e gli uffici di Montecitorio) era un’iniziativa politica per lanciare la mia proposta di legge 1467 (“Norme per la tutela delle scelte alimentari vegetariana e vegana”), firmata anche – ormai è una piacevole consuetudine, nella mia attività parlamentare – da diversi colleghi della maggioranza: per ora siamo in otto (quattro Pd e quattro Pdl), ma dopo il riso arrostito con porcini e zucca preparatoci dallo chef Pietro Leemann credo che il consenso aumenterà. Il provvedimento, che trovate qui, è un tentativo piuttosto light di rendere la vita più facile ai due milioni e mezzo di italiani che non mangiano carne né pesce (e se contiamo anche chi mangia solo pesce arriviamo al doppio), garantendo loro la possibilità di un piatto vegetariano nelle mense pubbliche o nei luoghi di ristoro convenzionati. Chi mangia carne potrà naturalmente continuare a farlo, ci mancherebbe, ma il problema oggi è esattamente quello contrario: il numero di vegetariani è in crescita continua, mentre l’offerta di pietanze compatibili con la loro scelta è molto bassa. Si può essere vegetariani per tre motivi diversi: etico, salutistico, ambientale. Vado per titoli: nel primo caso, decido di non mangiare carne e pesce perché ho la possibilità di nutrirmi senza uccidere nessun animale, e la preferisco; nel secondo, scelgo di essere vegetariano perché – ad esempio – l’eliminazione del consumo di carne diminuisce del 50%  il rischio di infarto e del 45% quello di tumori del sangue; nel terzo, preferisco evitare la catena animale perché – come testimoniano gli studi economici più recenti – questa comporta uno spreco enorme di risorse idriche e di terre coltivabili. Ma non c’è bisogno di essere vegetariani per firmare la mia proposta di legge, ho scritto ai miei colleghi in una lettera accorata, in cui ho volutamente rinunciato alle citazioni colte (salvo quella famosa di Albert Einstein: “Niente porterà vantaggio alla salute umana ed aumenterà le possibilità di sopravvivenza della vita sulla Terra quanto l’evoluzione verso una dieta vegetariana”) ed ho cercato di convincerli con le buone: con un invito a pranzo, appunto, che ha contribuito a smontare diversi pregiudizi. Potrei citarvi Emerenzio Barbieri, collega reggiano del Pdl, cresciuto all’ombra dei prosciutti e del ragù: a 62 anni, ha mangiato vegetariano per la prima volta ed è rimasto colpito dalla qualità e dalla varietà dei piatti. Ma in generale, al di là di qualche sfottò dei carnivori più accaniti (Rosy Bindi in testa), l’esperimento è andato molto bene ed ha contribuito ad accendere i riflettori su una proposta di legge che, in altre legislature, è rimasta bloccata nei cassetti delle Commissioni e non è neppure riuscita ad arrivare in Aula. Non so se stavolta ce la faremo – gli agguati degli anti-animalisti sono sempre possibili, come ha mostrato la lobby della caccia in più di una occasione – ma le condizioni ci sarebbero: innanzitutto, c’è da votare un testo tutt’altro che talebano; inoltre, il tempo non ci manca, visto che nelle ultime settimane abbiamo chiuso i lavori direttamente il mercoledì. Ma di questo ultimo scandalo, vi annuncio, parleremo nei prossimi giorni.