Tre indizi e una prova

Tre indizi fanno una prova. E per tre volte, nel giro di poche ore, sono stato attaccato personalmente in altrettante controversie politiche: tre problemi diversi (il testamento biologico, la deportazione dei rom dal Casilino 900, la macellazione dei cavalli), tre interlocutori diversi (un deputato leghista, un senatore Pdl, un giornalista del Foglio), tre attacchi in fotocopia. Tutti centrati sul mio passato televisivo, come se fosse una colpa.

Primo atto. Nella discussione sul testamento biologico, vi dicevo l’altro giorno, siamo al muro contro muro: basta che un emendamento contenga una parola problematica (volontà, autodeterminazione, articolo 32, invasivo…) e la maggioranza lo boccia. Così sono intervenuto per protestare, chiedendo al Centrodestra di fare chiarezza: se avevano intenzione di bocciarci ogni proposta indipendentemente dal merito, potevano dircelo subito ed avremmo risparmiato tempo. Al che, Massimo Polledri – il deputato leghista di cui sopra – mi ha risposto che del tema non capisco nulla, visto che vengo dai telequiz, e che probabilmente avevo nostalgia di ritornarci. Diversi esponenti della maggioranza (e pure il rappresentante del governo) sono venuti a chiedermi scusa, anche se non c’entravano nulla, ma io l’ho presa ironicamente: il giorno dopo, ho fatto arrivare in Aula a Polledri il mio curriculum, con un biglietto in cui gli chiedevo scusa per non averlo aggiornato con i telequiz.

Secondo atto. Ieri vi ho parlato del caso rom, in seguito al quale la comunità di Sant’Egidio ha abbandonato il tavolo con il Comune di Roma. In un comunicato stampa, lo definivo “un’operazione a casaccio”, che – citavo testualmente le critiche di Sant’Egidio – mandava all’aria anni di piccoli e grandi passi verso l’integrazione. E qui si è mobilitato Domenico Gramazio, senatore Pdl: Sarubbi, “volto televisivo prestato alla politica”, è “convinto di fare televisione e di essere il protagonista di una fiction”, mentre “parla di cose che non conosce”.

Riassumendo: non ci capisco niente di testamento biologico, perché vengo dalla tv, e non ci capisco niente neppure di nomadi, perché vengo dalla tv. Ma non è ancora finita.

Terzo atto. Come sapete, sono vegetariano. E per questo motivo sono stato tirato in ballo in un articolo del teocon Camillo Langone (quello che sul Foglio dà le pagelle alle Messe, e che in un libro cercava di convincere le ragazze sulla necessità di predicare bene e razzolare male) dal titolo significativo: “Com’è buono il cavallo”. Il passaggio che mi riguarda merita di essere citato per intero:

“Il democratico Andrea Sarubbi è uno dei pochissimi ministri del dio Equus non provenienti dal centro-destra. È un piacevole e pettinatissimo esemplare di clericale romano, allievo dei gesuiti che non sono riusciti a ficcargli in testa il Vangelo ma che gli hanno concesso il patentino di cattolico innocuo, indispensabile per entrare prima a Radio Vaticana e poi a Raiuno dove ha condotto la rubrica A sua immagine, una trasmissione che non ha mai convertito nessuno, l’equivalente televisivo di un brodo fatto col dado. A forza di andare in onda Sarubbi ha perso quel poco di fede, e adesso anziché credere in san Paolo caduto da cavallo crede nel cavallo”.

Tre indizi, dicevo, fanno una prova: la prova, probabilmente, che sto cominciando a dare fastidio.

Annunci

25 risposte a “Tre indizi e una prova

  1. Ti ho conosciuto al lingotto a torino, e da allora seguo il tuo blog. TU NON DAI FASTIDIO A NESSUNO, ANZI VAI AVANTI, tu le cose le conosci molto meglio dei 3 sopra che hai citato

  2. stai cominciando a dare fastidio, per fortuna

  3. Francesco Grana

    … e che la madre dei cretini è sempre incinta. Non mi avevi mai parlato dei telequiz!

  4. Delegittimare e distruggere. Armi buone per la massa di ignoranti che questo Governo e questa Maggioranza sta allevando in Italia. Ma in tutto questo la colpa è nostra (tra parentesi eh…), di questo PD avvilente, militare solo con se stesso, dentro se stesso e incapace di costruire qualcosa.Mi domando se le persone di buon senso, in questo partito, non debbano organizzarsi a loro volta intorno a figure come te per tentare di salvare questa barca.
    Personalmente non ero uno spettatore di “A sua immagine”, ma conoscendoti non è di certo la TV la tua fortuna, lo dimostri rivelandoti un eccellente comunicatore…Sei grande!

  5. é non dar fastidio a certa gente che é un problema !

  6. lascia dire e tira avanti!

  7. Andrea, la tua scelta di andare controcorrente rispetto ad un certo modo di fare politica è davvero molto coraggiosa proprio perché non ti lasci imbrigliare dal sistema. È inevitabile dunque che diventi segno di contraddizione per coloro che invece hanno deciso di lasciarsi guidare dalla corrente.
    Credo però che l’accettazione della sofferenza è tipica degli uomini forti, che hanno un fine dinanzi a loro, che credono davvero nella realizzazione del bene comune e non degli interessi di pochi: quindi Andrea non lasciarti condizionare da nessuno ma credi convintamente, come sono certo, che la tua mission non poggia sulla sabbia ma sulla roccia e per questo nessuna tempesta potrà prevalere ne tanto meno farla crollare.
    NON SEI SOLO PERCHE’ NOI SIAMO CON TE: CONTACI!

  8. Mi soffermo sull’indizio n.3, poichè seguo molto Langone – mi piace conoscere punti di vista differenti, per smussare e consolidare i miei. Hai dimenticato di dire che uno dei suoi cavalli (ah ah ah) di battaglia è che l’alcool ci salverà (se lo cantassero i Rolling Stones sarebbe anatema).
    Mi chiedo a che titolo chiunque possa sindacare sulla fede di chiunque altro. Per definizione stessa, la fede è qualcosa in cui… dobbiamo avere fede. Non ho mai dubitato della fede di chicchesia, al massimo mi sono chiesto come taluni potessero conciliare la loro fede con la prassi.

    Andrea, sei l’esempio del personaggio pubblico, e pertanto o ti si ama o ti si odia. Questo è il ragionamento molto grezzo dei tuoi detrattori.
    Devo dire che non posso che sorridere di questa patente di “Velino” che ti affibbiano.
    Che va assieme a quella di clericale romano, e a quella di alcuni mesi fa di cavallo (ah ah ah) di battaglia del veltronismo.

    Può darsi che oggi non ci fossero argomenti più salienti su cui scrivere, ma potevi ridurre al minimo il testo e riassumere il tuo post odierno nelle parole, vecchie ma mai fuori moda, di un “clericale” toscano: “Non ti curar di loro, etc. etc.”.

  9. Alessio&Diletta

    Vai Andreone, siamo con te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  10. Caro Andrea, come ben sai nella politica il “dare fastidio” è un complimento.
    Finalmente si stanno accorgendo con chi hanno a che fare, all’attenzione che devono avere con le loro ridicole proposte, mozioni, interventi…
    Se ti etichettano come partecipante di telequiz, velino… beh, di certo non di Mediaset… Ma almeno di Rai tre, l’unica libera.
    Continua a dare fastidio Andrea e fallo anche per noi che crediamo in persone come te!

  11. Caro Andrea, c’è ne fossero di persone che danno fastidio richiamando i principi della carità evangelica !
    Siamo con Te !

  12. Il patentitno di “cattolico inutile” è a punti? Perché se è così, a te di punti devono averne levati molti, vista la consistenza e la serietà delle tue battaglie, umane sociali e politiche!
    Un suggerimento: continua a rimanere vegetariano, ma prova ad assaggiare una fetta di “elefantino”: dicono che tolto l’involucro abbondante di grasso possa essere commestibile. A me l’ “elefantino” fa vomitare, ma sai…de gustibus…

  13. Più che un “teocon” Langone si dimostra sempre più un “teonient”. Che tristezza il Vangelo ridotto a estetica…

  14. Maurizio e Albertina

    Hanno iniziato a bastonare…. e allora dai fastidio davvero!!
    Non mollare….. ce ne fossero di dipendenti come te!

  15. Condivido quanto dicono gli altri amici: ti sosteniamo e ti chiediamo di continuare: la mamma degli imbecilli, si sa, è sempre incinta…
    Ho avuto la fortuna-sfortuna di comprare e leggere l’ultimo libro di Langone e volevo proprio scrivergli quanto è bravo nello scrivere in italiano, ma quante idiozie riesce a far entrare in una pagina! A parte il fatto che sul “manifesto della destra divina” attacca ingiuriosamente, irriguardosamente e, direi, da par suo assai poco educatamente i card. Martini e Tettamanzi! Quindi non devi offenderti, ma essere onorato che imbecilli di tal fatta parlino male di te!

  16. Ahahahahahah!!! Bhe in effetti significa che le tue azioni infastidiscono qualche puritano, o finto tale. In ogni caso , a quanto pare, quando tutto manca puoi sempre fare il cuoco con il dado. Cmq per quanto riguarda il passato televisivo non mi sembra che sia una nota di demerito (almeno nel tuo caso, perchè c’è un caso emblematico nell’altro schieramento , e anche con un ruolo di spicco, che dal suo passato può prendere parecchie note di merito per ben altri motivi….o forse per questioni di OPPORTUNITA’). D’altra parte c’è una deputata della mia città che farebbe bene a fare il percorso inverso (e penso che ci stia pensando) a passare dalla Camera alla camera da presa. Passando , invece, ad un giudizio piu serio nei tuoi confronti devo ammettere che sono piacevolmente sorpreso dal tuo modo di affrontare i problemi che ci affliggono, e soprattutto ammiro l’energia che ci metti. Sono decisamente con te. E vai avanti sulla tutela dei diritti degli immigrati, perche , come qualcuno dice….i neri salveranno l’Italia (o almeno quella del Sud…il che non sarebbe poco).

  17. marco brigliadori

    Certo che in 10 anni ne abbiamo fatti di telequiz !
    A Scampia, nelle periferie di mezza Italia, tra gli immigrati del Centro Astalli, all’inseguimento dei poveri nelle mense milanesi. A proposito, quanto hanno vinto al nostro telequiz i bambini del centro Caritas di Librino? Continua così che ne vale davvero la pena. A presto Marco

  18. manlio laurenti

    Inutile fare concorrenza al Centrodestra quanto a fastidio:c’è Di Piero e c’è sopratutto Casini.A me A SUA IMMAGINE piaceva,anche se,con tutta evidenza,le visite ad Andrea erano pilotate dall’alto,ed il clima della trasmissione cambiava a seconda dell’aria che tirava in Parlamento.Essere vegetariani non è un fastidio per nessuno:dico anzi che è un magnifico metodo per azzerare le enormi importazioni di carne dalla Francia,i cui parassiti vestiti da allevatori prosperano esportando in Italia(il piu’ grande importatore l mondo di bovini)e sulle estorsioni praticate a nostro danno dalla PAC.Quanto ai Rom ,mi sono esprsso cosi’ bene che mi hanno capito anche gli imbecilli.

  19. Caro onorevole, rallegrati.

    Essere attaccati da Langone è un po’ come finire su una copertina di Signorini. Sono questi simpatici qua-qua-ra-qua del giornalismo italiano che, per un buon stipendio, svendono quel poco di cultura e capacità comunicativa che madre natura gli ha dispensato. Il Camillo poi è più pasticcione che mai, poiché il bravo Giulianone gli ha affidato la maschera del guitto cattolico-tradizionalista di ritorno che – sulla scia di un Ratzingerismo che nulla ha a che vedere con Benedetto XVI – lancia strali contro le messe schitarrate e vorrebbe i canti gregoriani pure nella parrocchie di periferia dove mancano il riscaldamento e le candele. Era inevitabile che, cercando come fai tu, di vivere la fede nell’attività politica ti ritrovassi nel suo mirino. Ma tanto spara a salve. E’ tutto incenso e niente arrosto. Abbracci.

    Psico

  20. che dire, Andrea: coraggio

    mi viene in mente un’altra parola dotta (che ci hanno insegnato i “nostri gesuiti”):
    la parresia, il coraggio di dire la verità.

    ti sono vicino

  21. a me danno spesso del “cattolico irrilevante”… è strano, me lo dicono, sopratutto quando dico, scrivo e faccio cose che turbano un po’ la coscienza su scelte molto “terra terra” (non mi chiamo mica “moralista” per caso!)…
    Anche io aspetto una letterina da Langone… così mi regolo, perdinci! E finalmente, grazie a lui, imparerò ad aprire e ascoltare le Scritture…

  22. Caro Andrea, nel mio piccolo ti esprimo tutta la mia solidarietà. Ho imparato ad apprezzarti leggendoti su questo blog. La battaglia sulla cittadinanza è una delle cose più belle, coraggiose e intelligenti della politica degli ultimi anni. Hai provato a scrivere la proposta di legge in LATINO, magari Langone cambia idea… 😉

  23. Amico Manlio Laurenti,
    personalmente posso dirti che la trasmissione “A SUA IMMAGINE” condotta da Andrea è quella che ho apprezzato di più e proprio per quella sua grande capacità di saper ascoltare profondamente il suo interlocutore. Quando poi per puro caso ho scoperto questo suo blog ho apprezzato proprio questa sua non usuale particolarità che oggi, come allora, è ciò di cui apprezzo moltissimo di lui: questo significa che al di là del compito che svolge egli è stato e rimane una persona trasparente e genuina che merita da parte nostra la massima stima e riconoscenza, indipendentemente dalla sua appartenenza partitica.
    A me piacerebbe poi che nel dire il proprio pensiero si evitasse di essere prevenuti e ancor più offendere perché la dignità di ogni persona va SEMPRE rispettata quanto la propria.
    Con fraterno affetto
    Jonathan

  24. manlio laurenti

    @JONATHANCaro Jonathan,anch’io ti abbraccio.Se dichiari di essere e sentirti italiano,ti abbraccio ancora piu’ fortemente.In Italia possiamo e dobbiamo accettare una societa’ multietnica:molto meglio un buon Italiano di origine straniera che un cattivo Italiano di origine nostrana.Quello che è inaccettabile è il potpurri’ chiamato “societa’ multiculturale”.Qui non c’è posto nè per Cinesi che “non pallano italiano”,ma che sanno benissimo come “imblolialci”(leggere sul CORRIERE cos’è successo ieri a Prato),nè per islamici che preghino davanti al Duomo di Milano,nè per zingari ladri ed assassini.

  25. Ho anch’io dei bei ricordi di “A Sua Immagine” condotta da te, e mi spiace leggere che i soliti noti ti paragonino alle veline o simili.

    Il fatto che tu dia fastidio, vuol dire che in quel Parlamento fai qualcosa a differenza di molti che non si sa bene che ci stiano a fare…..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...