La battaglia del garante

La prima avvisaglia si era avuta ieri sera, quando all’ultimo voto li avevamo mandati sotto: 250 a 249, nonostante la presenza di una ventina tra ministri e sottosegretari. Dall’inizio della legislatura li avevamo battuti altre 25 volte, ma non sempre su temi importanti; stavolta, invece, si trattava di un voto cruciale per il senso del provvedimento, che infatti ne è uscito ribaltato. Parlavamo della legge sull’istituzione di un garante per l’infanzia, che il ministro Carfagna vorrebbe vedere approvata il prima possibile per poter fare bella figura nella Conferenza nazionale in programma a novembre. Pare che abbiano già deciso chi sarà il garante (una donna piuttosto nota al pubblico televisivo) e che abbiano già concordato lo stipendio (200 mila euro l’anno): mancava solo che il Parlamento approvasse la leggina stabilita, dalla quale il garante sarebbe uscito come una figura totalmente dipendente dal governo, senza una propria autonomia, in contrasto con tutte le norme internazionali in materia. Con l’emendamento di ieri sera, invece, è cambiata la prospettiva: la sua approvazione dà al garante poteri effettivi, tra cui quelli sanzionatori, e lo slega dal cappio che il ministero per le Pari opportunità gli aveva stretto al collo. Erano le 20 circa, per cui la maggioranza – in stato confusionale – ha chiesto ed ottenuto la sospensione della seduta: un po’ perché, a questo punto, l’intero provvedimento andava comunque ripensato, e molto perché, con una novantina di assenti, temevano di essere battuti pure sul resto. Stamattina ci siamo ritrovati al voto, subito dopo l’informativa di Bertolaso sull’alluvione di Messina, e sembrava che il vento fosse cambiato: sui primi emendamenti, infatti, viaggiavano con una decina di voti di vantaggio e respingevano tutto, anche a scapito della coerenza della legge. Tanto è vero che, ad un certo punto, Alessandra Mussolini è intervenuta per chiedere alla sua parte politica un minimo di attenzione ai contenuti di quello che si votava: dopo l’emendamento di ieri sera, infatti, alcuni pareri andavano ripensati. A fine mattinata, un’altra nostra vittoria, per 7 voti: stavolta su una cosa banale (il rinvio al pomeriggio dell’esame del provvedimento), ma abbastanza importante per far tornare il testo nelle Commissioni competenti. Alla ripresa dei lavori, la Bilancio aveva cambiato atteggiamento: non più parere contrario a priori a tutti i nostri emendamenti, ma (come aveva giustamente chiesto la Mussolini) via libera a quelli resi indispensabili dall’ampliamento delle funzioni del garante. Cosa ancora più importante, la maggioranza si era resa ormai conto di non avere i numeri in Aula ed ha preferito non rischiare: anziché ingaggiare una lotta all’arma bianca su ogni singolo emendamento, lasciandoci la possibilità di farne passare parecchi, hanno ritenuto più saggio rimandare il testo in Affari Costituzionali e tentare lì di aggiustarlo alla meno peggio, per poi riportarlo in Aula la settimana prossima. Ora, le ipotesi sono due. La prima è che il Centrodestra venga compatto in Aula la settimana prossima, ci bocci tutte le nostre richieste, corregga l’emendamento di ieri sera in Senato e poi lo riporti qui; la seconda è che prevalga la linea morbida, e non lo escludo, dettata sia dalla voglia di finire tutto entro la Conferenza dei garanti, sia dalla paura di rimediare un’altra figuraccia.

Annunci

Una risposta a “La battaglia del garante

  1. MANLIO LAURENTI

    Oh,intanto,se a qualcuno puo’ interessare,la stampa internazionale dei nostri nemici pubblica titoli trionfanti sulla sentenza di ieri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...