La truffa del semaforo

Facendo due chiacchiere con qualche collega arrabbiato del Centrodestra ho scoperto una cosa incredibile: con un sistema ben congegnato, il Pdl alle Europee è riuscito a neutralizzare il voto di preferenza ed a costruire liste praticamente bloccate, come voleva Berlusconi. Ricordate la nostra contrattazione sulla legge elettorale? Loro vinsero sul mantenimento dei collegi grandi, si trovò un compromesso sullo sbarramento al 4% (noi volevamo il 3%, loro il 5%) e noi vincemmo sulle preferenze, o almeno così ci sembrò. Invece, i coordinatori del Pdl si sono inventati il sistema del semaforo ed hanno fregato tutti: sia noi, sia (soprattutto) gli elettori, che pensano di poter scegliere chi andrà in Europa mentre invece è già tutto deciso. Faccio l’esempio del nordest, dove i posti a disposizione per il Pdl dovrebbero essere 4 (5 secondo le migliori previsioni): si presenta una lista di 13, divisa in una fascia verde, una fascia rossa ed una fascia gialla, naturalmente invisibili ad occhio nudo e mischiate fra loro. Nella fascia verde metto i 4 che porterò a Strasburgo: Sergio Antonio Berlato (uscente, da riconfermare), Antonio Cancian (ex deputato Dc del trevigiano), Elisabetta Gardini (uscente, da riconfermare) ed Amalia Sartori della Lia (uscente, da riconfermare). Nella fascia rossa metto tutti quelli che non andranno a Strasburgo, se anche venissero sommersi dai voti, perché sono ineleggibili: Silvio Berlusconi (presidente del Consiglio), Alberto Balboni (senatore Pdl di Ferrara), Michaela Biancofiore (deputato Pdl di Bolzano), Giovanni Collino (senatore Pdl di Udine), Maurizio Paniz (deputato Pdl di Belluno). Su 13 candidati in lista, ci tengo a sottolinearlo, 5 sono ineleggibili. Tolti i 4 della fascia verde, che andranno sicuramente in Europa, ed i 5 della fascia rossa, che altrettanto sicuramente resteranno a Roma, rimangono 4 posti per la cosiddetta fascia gialla, in cui Berlusconi ha fatto mettere tutti nomi di seconda o terza fila, per lo più giovani: non riusciranno a prendere troppi voti di preferenza, in maniera da non infastidire i candidati veri, ma potrebbero ritrovarsi al Parlamento europeo in caso di exploit del Pdl: Laura Calò (funzionaria del Pdl in Trentino Alto Adige), Maria Gabriella De Maria (sulla quale purtroppo non so dirvi molto, tranne che avrebbe 34 anni, perché non sono riuscito a trovare il suo sito internet), Fabrizio Frosio (38 anni, fondatore di un certo Movimento Politico Destra Libertaria) e Fiorella Rigon (presidente del Circolo giovani Pdl di Mestre). Rossi, gialli e verdi, come vi dicevo, sono mischiati, per non dare troppo nell’occhio: così, dopo aver fatto due conti, scopri che gli eletti del Pdl del nordest saranno certamente il numero 3, il 6, il 10 ed il 13. L’unica differenza con la lista bloccata è che qui non sono in fila, dal 2 in poi: anche in questo caso, infatti, Berlusconi non avrebbe rinunciato a mettersi in testa. Ora, se volete discutiamo una vita sulle candidature del Pd, e voi mi direte che ci voleva più rinnovamento, ed io vi risponderò che qualche nome in gamba c’è davvero, e voi mi direte sì ma non è abbastanza, ed io vi risponderò che le preferenze servono proprio a scegliere, ed andremo avanti così fino al 7 giugno, quando scopriremo chi ce l’ha fatta dei nostri e chi no. Perché noi, a differenza loro, ancora non lo sappiamo.

8 giugno 2009.
Quattro su quattro! A saperlo me li giocavo.

Annunci

34 risposte a “La truffa del semaforo

  1. Pingback: Far di conto « Blog del circolo online del PD “Barack Obama”

  2. Caro Andrea,
    il PD dovrebbe dirle queste cose in campagna elettorale ancora più forte di quanto non lo abbia già fatto e rimarcare la sua composizione delle liste più “trasparente” (certo a qualcuno sono rimasti di traverso candidati come Berlinguer e Cofferati). Bisognerebbe anche dire che altre liste che fanno sempre la morale al PDL hanno candidato persone il cui mandato è incompatibile con il seggio al Parlamento Europeo.
    Grazie per il suo lavoro e complimenti per il blog

  3. Fabio Frassanito

    grazie Andrea per il tuo instancabile lavoro….e per illuminarci sulle truffe e menzogne che il premier escogita giornalmente!!!

  4. Ditelo in pubblico, in parlamento, ma diffondete questa notizia!!!

  5. Pingback: Il semaforo « il mondo visto da un pennuto

  6. Questa truffa è evidente anche ‘visivamente’: avete notato il rapporto fra i manifesti elettorali di maggioranza e opposizione? Neanche 10 a 1… e non certo perchè al Pdl mancano le risorse!
    Come controprova sarebbe anche interessante confrontare con quante preferenze (leggi: con quanta fiducia popolare) saranno proclamati gli europarlamentari VERI dei diversi partiti e vedere chi possiede la maggioranza delle preferenze espresse.

  7. Caro Andrea, diamo per scontato che l’abilità dei palamentari del pdl è proprio la truffa, e che il papi è considerato dal loro elettorato il re indiscusso, un superuomo imbattibile, a loro poco importa chi sarà eletto basta che il timone stia in mano al nano, per questo non ne risentono o meglio ancora non si scandalizzano.
    Questa qui è gente che non ha nessuna coscienza nè intellettuale, nè morale.

  8. Caro Andrea,

    magari è tutto vero quel che dici. Ma Giovanni Collino è un senatore di Udine, non di Treviso e ha già annunciato in tutti i comizi pubblici che ha fatto che una volta eletto si dimetterà da parlamentare nazionale per andare in Europa, dove da anni il Friuli Venezia Giulia non ha un rappresentante.

    Ovviamente rispetto la tua visione delle cose, ma mi pare anche corretto chiarire quel che ti ho scritto.

    Ciao,

    Simone Bressan
    http://www.freedom-land.it

  9. @ Simone Bressan: grazie per la precisazione su Udine (ho corretto nel post). Quanto alle sue promesse, vedremo dopo le elezioni. I suoi colleghi del Pdl, con i quali ho parlato in questi giorni, non mi sembrano dello stesso avviso.

  10. Semplicemente magnifique. Ma tanto queste cose non contano per la stragrande maggioranza degli elettori Pdl.

    Spero invece che i nostri elettori sappiano dimostrare le loro capacità mettendo nei primi eletti tutti quei candidati della società civile o fuori da logiche partitico-correntiste (Borsellino, Capacchione, Sassoli, Scalfarotto, Serracchiani, ecc.). Se accadrà questo, forse alle primarie di Ottobre potrebbe accadere qualcosa di magnificamente democratico … yes, we can …

  11. Pingback: PDL: la truffa del semaforo. « NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE

  12. Questa volta, come poche volte è successo recentemente è utile far convergere le preferenze su alcuni candidati. Il futuro del PD e della politica italiana passa dal rinnovamento della classe dirigente e dei costumi.

  13. Pingback: Francesco Costa » links for 2009-05-27

  14. manlio laurenti

    E tutto questo fa di Berlusconi un nuovo Mussolini,anzi un nuovo Videla,anzi un nuovo Pinochet.Capisco.

  15. Che sciocchezza questo post. Esiste, come ha ricordato Simone Bressan, l’istituto delle dimissioni. Si vedrà chi prenderà più preferenze e poi deciderà se restare a Roma o se andare in Europa.

  16. jack, perché “poi deciderà…”?
    Visto che andiamo a votare per il parlamento europeo, non pensi che dovremmo sapere “prima” e non “poi” se la persona che sceglieremo con il nostro voto andrà effettivamente lì?
    Non pensi che sia semplicemente una faccenda di onestà?

  17. No, la parola onestà mi sembra sufficientemente fuori luogo. Il pulpito politico da cui arrivano queste critiche poi… Vi siete scandalizzati quando la stessa cosa, all’inverso, l’hanno fatta esponenti del centro sinistra? Parlavate di disonestà? Qua si tratta semplicemente di una possibilità consentita dalla legge, di poter avere un paracadute per coloro che vogliono candidarsi in Europa. Se passeranno, sceglieranno dove preferiscono andare, altrimenti resteranno in Italia. Parlare di liste bloccate è una sciocchezza bella e buona

  18. jack, io non mi scandalizzo né mi interessano le questioni di paracadute o di quello che hanno fatto questi o quelli.
    Sono un semplice elettore, vado a votare e do la mia preferenza a una persona per mandarla al Parlamento europeo.
    Facendolo esercito uno dei miei diritti e doveri più sacri.
    Se poi questa persona decide di non andarci solo perché la legge glielo consente, mi sembra normale che io, semplice elettore, mi senta preso per i fondelli e che mi chieda almeno “ma perché si è candidato?”

  19. Nulla cambia se tu eleggi qualcuno che dopo 1 o 2 anni molla e va a fare altro, come succede per quasi il 50% dei casi in Europa (cioé, per i parlamentari europei italiani). Tu dai innanzitutto un voto ad un partito politico, ed il tuo voto infatti non influenza solo il candidato a cui dai la preferenza, ma puregli altri dello stesso partito perché il tuo voto aiuta a stabilire quanti di questi candidati debbano essere eletti, indipendentemente da quello per cui hai votato..

  20. Quinto Frosini

    Io voterò quì a Casalpalocco. Posso avere in anticipo la lista dei candidati PD alle europee?
    Da una indagine presso amici di sinistra ho notato che alcuni di loro voteranno IDV perchè dicono che il PD è troppo diviso all’interno. E’ pieno di VECCHI galli ! Io la penso un pò come loro ma mi piace Franceschini e continuerò a votare (e far votare) PD perchè è un momento importante per contrastare il nanetto allupato ed incoraggiare il nuovo partito.
    PERO’ SAREBBE ORA CHE L’INCORAGGIAMENTO A FRANCESCHINI ED AL PARTITO VENISSE PRIMA DI TUTTO DAI VECCHI GALLI. E’ IL MOMENTO DELL’UNITA’ AD OGNI COSTO !!!
    AUGURI. Ciao

  21. Molto interessante, di nuovo, scoprire come siamo tutte e tutti fregati! Ma appunto, di nuovo! Siamo così anestetizzati da non essere nemmeno capaci di far nulla. Non è più una questione di destra o di sinistra e una questione che riguarda l’intero sistema nella sua complessità. E qualora ce ne fossero di persone “oneste e volenterose”(termini presi dalle discussioni precenti), cosa che non metto in discussione,allora non avrebbero spazio per esprimersi..dramma disincantato facendo uno di quei discorsi che si sentono oramai a ogni angolo, ma vorrei ricordare a tutti coloro che andranno a votare che non c’è più spazio da tempo per i propri diritti e doveri. C’è l’istituzione del voto, ma è vuoto di significato l’atto di avvalersi del proprio diritto/dovere. Non sono delle elezioni “vere”, nella stessa misura in cui non lo sono nè le comunali , nè le amministative, ancor meno le politiche. (chi si è avvicinato alla politica , anche minimamente sa bene di cosa sto parlando).Non mi meraviglia il fatto che anche le elezioni europee siano di nuovo mediate da interessi e metodi poco ortodossi, per non dire metodi totalmente ingannevoli. E da questo gioco non si salva nè la destra, nè la sinistra. C’è bisogno di una rottura. Coloro che hanno rivoluzionati paesi e culture venivano dal di fuori del sistema come mentalità, freschezza e genuinità. I nostri politici sono tutti “dentro”, tutti goveranti da interessi particolaristici. Per esplicitare ciò che penso, mi domando e vorrei che si domandassero tutti i cittadini, perché in seguito agli oltre 7000 voti perché si istituisca l’anagrafe dei politici e che vengano messi online tutti gli stipendi e i loro “onori” e anche gli “oneri” per essere giusti, nessuno ha accettato, dal più piccolo consigliere fino al parlamentare…io sto ancora aspettando un quadro chiaro online, in vista di tutte e tutti, perché sempre per una questione di diritto-dovere, da cittadina pretendo di sapere in che modo sono utilizzate le tasse che verso. se qualcuno ha visto da qualche parte traccia di questo, le/gli sarei grata se mi inviasse tali informazioni.

    Ma per parlare dei politici meritevoli, io voterò per chi ho visto operare sul territorio con dedizione, è nelle lista di Franceschini ma la conosco da vicino e dalla sue opere, non dai comizi televisivi. Si chiama: LUISA LAURELLI

  22. Ciao Andrea,
    post bello ed utile, da diffondere, continua così che è sempre un piacere seguirti 🙂

  23. sono questi i trucchi della bassa politica!bravo andrea ad averli messi in luce!

  24. I giochetti (cioè truffe) delle liste elettorali sono infiniti. Non è una novità che si rimpinguino con nomi civetta, giovani messi lì per portare voti e poi essere bruciati alla politica, insaccate di portatori di voti che non saliranno mai… Sono i giochetti delle comunali e delle provinciali di questi giorni. Fatta la legge elettorale, trovato l’inganno.

  25. Pingback: La truffa del Semaforo. « Italian Democracy

  26. Pingback: Il trucco del semaforo « La Casa Dei Giochi

  27. nonno franco

    Premetto che ti ho sempre stimato come giornalista e come presentatore e che ti stimo tutt’ora come parlamentare. Premetto che anch’io sono contrario alle liste bloccate. Voglio, però, fare una considerazione: se alle passate consultazioni politiche non ci fosse stato il sistema delle liste bloccate, non so se tu saresti stato eletto parlamentare. Bene ha fatto il PD ad inserirti nell’elenco dei papabili, altrimenti avremmo, ora, un onorevole bravo in meno. Questo lo dico per come sia difficile per le persone oneste ottenere voti (perchè non barattano). Se i partiti fossero asettici (dal punto di vista degli …..interessi ) la scelta su persone capaci ed in gamba sarebbe salutare. Ciao e auguri.

  28. Oggi il Riformista in prima pagina parla della truffa del semaforo.
    Se volete leggere l’articolo lo trovate in ‘Sala Stampa’.

  29. La palla di vetro ha funzionato.
    Le ‘profezie’ proposte nel post si sono puntualmente realizzate(http://elezioni2009.interno.it/europee/euro090607/prefET2.htm#03424).
    Ed ora vedremo a chi toccherà il posto dell’incompatibile Berlusconi…

  30. PREVISIONE COMPLETAMENTE ERRATA!!
    Non so a voi ma a me, a scuola, la maestra giudicava insufficente se il risultato del problema era esatto ma il procedimento per giungervi era completamente errato.
    Qui è lo stessa cosa: i nomi sono giusti ma non ho visto nessun gioco del semaforo, la “fascia verde” è semplicemente stata eletta grazie alle preferenze e i 4 candidati previsti erano semplicemente i più “papabili” (3 uscenti ed un valido, stimato e sopratutto conosciuto imprenditore del nord-est).
    Chi ha detto che la “fascia rossa” è ineleggibile? Vedremo fra 60 giorni se il senatore Collino rimmarrà senatore o diventerà euro parlamentare e se così sarà il gioco del “semaforo” sarà totalmente smentito!!!…

  31. Toh!! Collino è andato al parlamento europeo… ma non doveva essere ineleggibile????

    Smentito totalmente il gioco del semaforo!!!

    Sarubbi… io dopo questa bella fiuguraccia andrei a nascondermi sottoterra e mediterei prima di risalire per scrivere altre baggianate

  32. Avevo dato per certi: Sergio Antonio Berlato (uscente, da riconfermare), Antonio Cancian (ex deputato Dc del trevigiano), Elisabetta Gardini (uscente, da riconfermare) ed Amalia Sartori della Lia (uscente, da riconfermare). Invece, sono stati eletti: Lia Sartori, Sergio Berlato, Elisabetta Gardini, Antonio Cancian. 4 su 4 non mi sembra malaccio. Quanto a Collino, ha potuto in tranquillità optare per Strasburgo perché di seggi il Pdl ne ha presi 5 anziché 4, togliendo il posto ad uno della fascia gialla: la fascia verde doveva passare tutta e così è stato. Se i seggi fossero stati solo 4, avrei voluto vedere…

    Signor Gian, Lei si rende conto che il 27 maggio io avevo scritto chi sarebbe stato eletto nel Pdl, senza che ci fossero liste bloccate? Del Pd, che pure è il mio partito, non ci sarei mai riuscito, perché da noi c’erano preferenze vere. Poi, se vuole, mi vado a nascondere sottoterra. Ma di baggianate come questa ne scriverò ancora parecchie, se il suo partito continua a fare fessi gli elettori.

  33. Truffati da Barrai

    Io faccio parte di un gruppi di clienti truffati dal delinquente viscido Paolo Barrai di Mercato Libero. Costui e’ davvero uno schifoso criminale, a tutti noi, uniti ora in una associazione ” risparmiatori truffati dal delinquente Paolo Barrai” e siamo gia’ in cinquanta, dico, cinquanta, ci fece andare corti ( al ribasso) sul mercato azionario italiano a inizio marzo 2009. Abbiam perso quasi tutti tra il 50 e il 90 per cento dei nostri investimenti, e quando lo telefonavamo per chiedere semplicemente che fare, mentre il mercato saliva rapidissimamente, egli, vigliacchissimamente, si faceva sempre negare al telefono. Mandavamo e mails, nessuna risposta. Io non sto offendendo, sto dicendo la verita’ e fra poco la faremo sapere a ogni angolo del pianeta Terra, oltre che a fior fior di Tribunali di mezza Italia. Che i delinquenti ti debbano fare fesso, e manco permettino replica, no eeeee. Il neofascismo criminale del delinquente ladro e inacapace totale Paolo Barrai di Mercato Libero, a noi non fa nessuna paura. Una truffata dal malavitoso falso e codardo Paolo Barrai di Mercato Libero

  34. Hi, as you can see this is my first post here.
    In first steps it’s really nice if somebody supports you, so hope to meet friendly and helpful people here. Let me know if I can help you.
    Thanks and good luck everyone! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...