Partita di giro

Dispiace che alcuni giornali non abbiano capito nulla. A me dei rapporti personali tra il presidente del Consiglio ed una ragazza di quasi 18 anni non interessa niente: o meglio, potrebbe interessarmi a livello di curiosità personale, ma non come deputato. Non firmerei mai un’interrogazione parlamentare, come ha scritto invece Repubblica di oggi, per chiedere “chiarimenti sui rapporti tra Berlusconi e Noemi”: l’aspetto privato della vicenda lo lascio ai familiari, e mi pare che la signora Veronica Lario abbia già un’idea abbastanza chiara in proposito. Né credo che il Parlamento possa e debba interessarsi alla carriera artistica della signorina Letizia, alle sue foto ammiccanti, al suo appuntamento con Mediaset per diventare una meteorina di Emilio Fede. A me, al parlamentare che sono, interessa solo la dimensione pubblica di questa storia, che presenta diversi lati poco chiari. Uno di questi – che è poi il tema della mia interrogazione, depositata ieri alla Camera – è l’annoso conflitto di interessi, finora irrisolto anche per colpa del Centrosinistra: nel caso specifico, c’è una partita di giro tutta da spiegare fra tre soggetti. Il primo è naturalmente il presidente del Consiglio; il secondo è l’editore delle riviste “Chi” e “Diva e donna” (sì, lo so che è sempre lui) che pubblicano l’esclusiva delle foto della festa e/o le interviste a corredo; il terzo è l’amico della famiglia Letizia (già, ancora lui), finita sulle riviste Mondadori anche la settimana successiva, immagino non gratis ma sarei felice di sbagliarmi. Ecco, esattamente, cosa ho chiesto al governo:

INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE IN ASSEMBLEA
Al presidente del Consiglio dei ministri

Premesso che:
in data 24 aprile 2009 il Presidente del Consiglio, On. Silvio Berlusconi, si è recato ad una festa privata in occasione del diciottesimo compleanno della Sig.na Noemi Letizia presso Villa Santa Chiara, ristorante sito nel Comune di Casoria (Na);
nel corso dei festeggiamenti, come risulta da organi di stampa, sono state scattate fotografie unicamente da un fotografo di fiducia; le macchine fotografiche nonché gli altri apparecchi elettronici provvisti di fotocamera, in possesso degli altri soggetti presenti alla festa, sono stati ritirati all’inizio della serata, al fine di evitarne l’utilizzo;
le fotografie scattate, con l’unica apparecchiatura fotografica ammessa, dal fotografo Livio Anticoli (Fotoreporter professionisti associati) sono state pubblicate in esclusiva dal settimanale “Chi”;
la suddetta rivista appartiene al Gruppo Editoriale Mondadori, il cui Presidente risulta essere la Sig.ra Marina Berlusconi, e all’interno del cui CdA è presente anche il Sig. Pier Silvio Berlusconi, entrambi figli del Presidente del Consiglio, On. Silvio Berlusconi;
dal sito istituzionale del Governo italiano (
www.governo.it) il Sig. Livio Anticoli risulta essere autore di numerose fotografie di occasioni ufficiali, pubblicate sullo stesso sito;
il 12 maggio 2009, la Sig.na Noemi Letizia ha rilasciato un’ulteriore intervista esclusiva al settimanale “Chi”, mentre il fidanzato della ragazza, Sig. Domenico Cozzolino, ha rilasciato una intervista esclusiva al settimanale “Diva e donna”, anch’esso facente parte del Gruppo Editoriale Mondadori;

Si chiede di sapere:
se il fotografo Livio Anticoli, a cui in occasione della festa è stato concesso di effettuare il servizio fotografico, sia legato da rapporti professionali a livello istituzionale ovvero privato al Presidente del Consiglio, On. Silvio Berlusconi;
sulla base di quali motivazioni, con quali modalità, e ad opera di chi (addetti alla sicurezza del Presidente del Consiglio, ovvero personale addetto al ricevimento, ovvero membri della famiglia Letizia) si sia proceduto al ritiro delle altre macchine fotografiche, nonché degli altri apparecchi elettronici provvisti di fotocamera;
quale sia il soggetto che ha concordato la cessione dell’esclusiva fotografica al settimanale “Chi” citato in premessa;
se la sig.na Noemi Letizia, ovvero altri membri della sua famiglia, abbiano pattuito e/o percepito un compenso per la pubblicazione in esclusiva delle foto in discussione;
se il Presidente del Consiglio, On. Silvio Berlusconi, sia attualmente e direttamente  proprietario di quote azionarie del Gruppo Mondadori.

Nel resto del mondo, un’interrogazione del genere verrebbe vista come un esercizio di democrazia, a cui il capo del governo sarebbe obbligato a replicare. Da noi, invece, ci penseranno i suoi giornali, facendomi passare per invidioso antiberlusconiano, e poi su questa bizzarra partita di giro cadrà il silenzio.

Annunci

10 risposte a “Partita di giro

  1. Sono perfettamente d’accordo. A parte che non vedo cosa ci sia da essere invidiosi, la questione merita di essere esaminata e discussa. Vediamo un po’ come va a finire.

  2. Io invece credo che i rapporti tra la bimbetta Noemi e il nostro Premier sono di fatto pubblici e politici. COsa fanno tra di loro mi interessa eccome, vorrei capire quali sono le strategie comportamentali e di formazione personale che si sviluppano all’interno di certe “relazioni” per esitare in aspettative di posizionamenti in parlamento. Vorrei capire come dai calendari senza mutande si diventa ministro per le pari opportunità per esempio, e come Noemi riesca a dichiarare ad un giornale che ci “penserà” papi se è più opportuna una candidatura alle politiche o alle Europee o magari alle Regionali.
    VOrrei proprio i dettagli della relazione tra il nostro Premier e la signorina per capire la qualità della gente che siede in parlamento.
    E mi stupisce che a minimizzare siano proprio quelli che occupano certe poltrone.
    Sul conflitto di interessi la sinistra si deve vergognare ha avuto tempo e modo di occuparsene e non se ne è voluta occupare.

  3. Giovanni Gambardella

    Sarubbi purtroppo nessuno te le darà le risposte…… Visualizza altroè il sistema!….ma tanto lo sai!io mi sn fatto un’idea: ” credo che tutto il caso sia stato montato ad hoc per creare ancora maggiori consensi attorno alla figura del premier, mi spego…tutto quello che è venuto dopo; l’appuntamento privato in “casa” Vespa, senza altri “invitati” seugito dal 33.64% di ascolti, l’indigniazione di alcuni personaggi televisivi, per iltroppo accanimento per le vicende private del premier, poi come hai scritto tu, le foto dei giornali di gossip. Tutto cio ha creato, nell’opinione pubblica ( a mio avviso scarsa), la versione VITTIMA di Silvio”.
    Ho sentito con le mie orecchie persone che hanno avuto il coraggio di dire: ” povero Berlusconi”…sono raccapricciato!…LA MANOVRA E’ BEN RIUSCITA!

  4. stefano canu

    Andrea,
    legittima la tua interrogazione sul conflitto di interessi.

    Altrettanto legittimo è a parer mio l’interesse che molti cittadini hanno sul comportamento del Presidente del Consiglio, anche fuori dalla sfera del suo mandato e/o funzioni istituzionali.

    Mr. Berlusconi della sua vita privata può fare ciò che vuole, nel rispetto delle normi vigenti. Se però, volente o nolente, le sue “attività” diventano di pubblico dominio, specialmente quando instillano sospetti sul suo comportamento, Egli è tenuto a dare delle riposte chiare e precise. Chi lo vota, o anche chi non lo ha votato se lo trova come Presidente e credo sia sacrosanto porsi degli interrogativi e pretendere delle risposte.

    E’ stato lui ad inaugurare la stagione del homus politicus a 360 gradi con il sorriso rassicurante a 36 denti (ne ha 4 in più :D) che fa uso del mass media per promuovere il suo messaggio, il suo pensiero.
    Ora il Presidente si può anche adirare, accusare Repubblica di complotti orditi dalla sinistra, ma a parer mio c’e’ ben poco di arrabbiarsi. Lo stile, il modello è il suo…

    Non sono un fan di Repubblica, ma gli ormai famosi “10 quesiti” posti da quotidiano mi paiono abbastanza legittimi. Poi, se li hanno proposti per desiderio di verità o “per pararsi il sederino” non mi interessa. Sono domande che, forse un poco demagogiche, meritano comunque una risposta.

  5. A me sembra invece che confinare l’interesse di un parlamentare ai soli aspetti pubblici della vicenda, sia l’unica vera garanzia della democrazia.
    Non è che non interessino gli aspetti privati; politicamente sono rilavanti e determineranno, o dovrebbero determinare, il consenso.
    Il fatto è che l’istituzione deve occuparsi esclusivaemente degli aspetti ‘pubblici’, legali delle questioni.
    Se così non fosse, un giorno i nostri diritti potrebbero essere messi in dubbio per questioni che attengono alla nostra sfera personale.
    Se ci pensate, tenere distinti questi due aspetti – pubblico/privato, istituzionale/politico, è garanzia di democrazia.
    Sarubbi fa bene a farlo.
    Vi dovreste scandalizzare più che altro, al limite, che sia stato il primo.

  6. Non c’è limite al peggio. Questo paese è sempre più triste. La berlusconizzazione della società italiana è cosa fatta. Ormai nessuno si meraviglia più di nulla. Ciò che dovrebbe essere considerato quantomeno “strano” rientra nella norma anormale, nella cifra stilistica del premier.

  7. scusa BraveArt ma quanto a garanzia della Democrazia credo che il fatto che il Premier candidi ( e nomini!) le sue amichette di letto a ministri della Repubblica e menta spudoratamente sui legami personali con queste fanciulle sia, in parole povere ma oneste, decisamente un attacco pericolosissimo alla democrazia. Politicamente gravissimo e di urgente, indiscutibile attenzione.

    Non ultimo se il Premier decide di poter infilare nel mio “privatissimo” naso un sondino e decide che la mia libertà terapeutica è un affare di Stato io credo di avere tutto il diritto di discutere dove si ferma la dignità della sua libertà sessuale, che vale come e quanto la mia libertà di cura.
    Lui deciderà di portarsi le minorenni a letto io non di non farmi intubare.
    Invece no, i “suoi” comportamenti privati sono privati, i miei comportamenti “privati” devono essere regolamentati da lui e dal suo circo.
    Ragazzi decidiamoci, lo stato fuori dalla vita privata dei cittadini, ma i cittadini devono poter sapere con che razza di gente hanno a che fare quando votano tizio, caio o sempronio in parlamento. Sono i politici a dover rendere trasparente la loro vita privata proprio in nome di un rapporto cristallino con le istituzioni.
    Depravati, pervertiti, pregiudicati non dovrebbero occupare certe poltrone.

  8. Al di là di tutto, vorrei capire come un quotidiano(pseudo)liberal come Repubblica, non perda mai un’occasione per infilarsi nelle beghe e nel gossip del cavaliere.

    A voler pensar male, sembra che questo giornale voglia dirottare l’opinione pubblica verso riflessioni abbastanza frivole o insensate, quando i drammi dell’Italia e del mondo su cui riflettere sarebbero ben altri….

  9. manlio laurenti

    E’ un po’ tardi per domandarsi quale sia la qualita’ della gente che passa in Parlamento dopo che in quelle aule sorde e grige hanno posato il loro grazioso sederino esponenti della Sinistra come Ilona Staller,Wladimir Luxuria,Grillini,nonchè personaggi sospetti di omicidio e di collusione con le BR. Farei appello ai Comandamenti:non uccidere,non commetere atti impuri,e poi quello che forse risulterebbe piu’ prezioso,al momento:l’undicesimo.

  10. L’interesse pubblico:
    – certe ambigue frequentazioni potrebbero porre il Presidente del Consiglio in situazioni di ricattabilità, con gravi ripercussioni sulle scelte del governo;
    – le allusioni della moglie alla sua “salute” paventano rischi per il nostro Paese;
    – tutta la vicenda svilisce la politica e lo Stato: il messaggio è: mostrate il culetto al Presidente per fare carriera!
    Non vedo cos’altro potrebbe fare Berlusconi per indignare un poco gli Italiani. Ma è anche vero che il suo consenso tiene perchè l’opposizione non fa tutto ciò che dovrebbe fare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...