Il punto d’incontro

Fra i danni che la storia del pianista mi ha provocato (a proposito: le mail continuano, pazienza!), ce n’è pure uno collaterale: ieri ho bucato la visita del Papa al Quirinale. Me ne sono accorto in ritardo, quando ormai il post era pubblicato… così ho deciso di prendermela comoda e aspettare l’analisi di Gigi Accattoli sul Corriere di oggi. Sul punto fondamentale, la divisione dei ruoli e la coesistenza pacifica, non mi sembra ci siano grossi problemi: Napolitano non ha accennato al rischio dell’invasione di campo vaticana, Benedetto XVI non ha neppure citato il rischio opposto di privatizzazione della fede… C’era, insomma, un punto di incontro già scritto nella Costituzione, e lì – a metà strada – Stato e Chiesa si sono incontrati: su quello che Napolitano ha definito “riconoscimento” del carattere “sociale e pubblico” del “fatto religioso” e che il Papa ha chiamato “dimensione pubblica della religione”, ossia “possibilità dei credenti di fare la loro parte nella costruzione dell’ordine sociale”. Senza consultare il Quirinale né la Segreteria di Stato vaticana, è lo stesso concetto che avevamo espresso, lunedì scorso, alla presentazione del “Manifesto per una moderna laicità”: un concetto in altri tempi banale, che oggi però il Pd fa fatica a tirare fuori. Meno male che ci pensa il presidente, e che il presidente – pur sempre super partes, nell’interpretare la carica – è uno dei nostri. Eppure, se leggiamo i discorsi di ieri, i punti di contatto non mancano: in quello del Papa c’erano diversi temi cari al Centrosinistra (attenzione alla povertà, lotta all’emarginazione, aiuto ai giovani in cerca di prima occupazione e ai disoccupati); in quello del presidente della Repubblica ce n’erano altri cari alla Chiesa (la pratica della solidarietà, il superamento del razzismo, il dialogo con i credenti). Tutti argomenti, gli uni e gli altri, su cui onestamente l’attuale maggioranza sembra un po’ in difficoltà. Poi, però, apri i giornali (Avvenire compreso) e ti sembra che tutto, alla fine, si riduca ad una sola battaglia all’arma bianca: quella sull’inizio e sulla fine della vita. Che in Parlamento non è una battaglia di destra e di sinistra, anche se a qualcuno fa comodo dipingerla così.

Annunci

2 risposte a “Il punto d’incontro

  1. marco brigliadori

    Vogliamo impegolarci sul ruolo dei mezzi di comunicazione di massa? Mi sembra una battaglia persa. Anche internet deve sottostare alla regola del cane che morde il padrone, infatti come vedi sul tema pianista tutti intervengono, su una riflessione più approfondita sul ruolo delle istituzioni e sul dialogo tra stato e chiesa pochi hanno qualcosa da dire.
    A questo proposito il problema di fondo non credo sia quello di centrare l’attenzione sulle problematiche (che sono sempre quelle), quanto di individuare le soluzioni. Non credo che su questi punti ci sia una così evidente concordanza di idee tra il nostro presidente ed il Papa. Anche i “nostri” e gli “altri” leader politici sono in perfetto accordo quando si parla di emergenze… poi alcuni propongono dialogo, confronto e partecipazione politica, altri inviano l’esercito…
    Ciao Marco

  2. umberto ingrosso

    E cosi’ abbiamo arruolato,o stiamo per arruolare,il Papa nel Centrosinistra.In GB lo chiamano “Wishful thinking”.La piccola Borghesia Cattolica,modesta sobria e decorosa,che compone la struttura portante della nostra societa’,e che costituisce l’immensa maggioranza di coloro che ascoltano il Papa e cercano di adottare il magistero della Chiesa a regola di vita,non ha nulla da imparare dalla Sinistra e dalla sua boriosa prosopopea,quanto ad amore e dedizione al Prossimo.E diffida,com’è ovvio,dall’Amore Istituzionalizzato delle Sinistre:del quale fa parte,a volere fornire un bell’esempio,la nota propensione a porger l’altra guancia del Partito Giustizialista vostro alleato.Adesso aspettiamo la chiassata con la quale inquinera’ l’ambiente di Piazza Navona,prossimamente.Chi vuole vedere all’opera il dialogo tra la Chiesa e la Sinistra ci trovera’ spunti interessanti:come li ha trovati in quella precedente,di chiassata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...