Il punto sulla monnezza

Mentre mi sedevo in Aula per la ripresa dei lavori, è arrivato Ermete Realacci con una notizia fresca fresca: il sottosegretario Bertolaso gli ha garantito che verrà installata una telecamera nella cava della discarica di Chiaiano, dove negli ultimi giorni sono riprese le proteste. In questo modo, i cittadini- che hanno cercato di entrare nella cava, senza successo – potranno vedere cosa accade all’interno. Non è la soluzione del problema, naturalmente, ma è un gesto simbolico che va nel segno della trasparenza: a conferma del fatto che, in questo momento storico, si è rotto il rapporto di fiducia tra i cittadini e coloro che li governano. Non sto facendo un discorso di destre o sinistre: la monnezza sta sommergendo anche Catania, governata dal Centrodestra, e 200 cassonetti sono stati bruciati; poi non ne ha parlato nessuno, né Berlusconi lo ha utilizzato come esempio di malgoverno, né ha chiesto le dimissioni del sindaco, né ha criticato quello precedente (il suo medico personale, che oggi siede qui in Parlamento), né ha fatto un Consiglio dei ministri sotto ‘u liotru, la statua dell’elefantino in piazza Duomo… anzi, zitto zitto, ha tirato fuori 120 milioni dal bilancio dello Stato per mettere una pezza al dissesto finanziario e non se ne sono accorti in molti. Ma questo è un altro discorso, che dovrebbe far riflettere gli appassionati di comunicazione politica e che, magari, affronteremo in un altro momento. Per quanto riguarda Napoli, i miglioramenti sono sotto gli occhi di tutti, ma la situazione monnezza non può dirsi ancora risolta: intanto, perché basta fare un salto in provincia, o anche nelle periferie, per rendersene conto; poi, perché c’è un problema serio nel ciclo dei rifiuti: continuano a mancare gli impianti di compostaggio e quindi molti Comuni che fanno la raccolta differenziata – ce ne sono 118 che hanno superato il 40 per cento – sono costretti a pagare di più per mandare la frazione umida fuori Regione. E’ una questione più complessa di uno slogan, insomma. Ma ormai tutta Italia sa che Napoli è pulita e va bene così.

Annunci

12 risposte a “Il punto sulla monnezza

  1. Lo spettacolo ripreso dalla telecamera installata all’interno della discarica non sarà peggiore di quello trasmesso dalle tv italiane la sera (a solo titolo di esempio: carrà, clerici, ventura, de filippi, pupo, mammuccari, blasi, conti…).

    Mi domando: l’ascolto di “Telediscarica” sarà censito dall’Auditel? se sì, potrebbero anche pensare di introdurre degli spot a pagamento fra uno scarico e l’altro di “munnezza” scegliendo i momenti com maggior ascolto!

    E visto che un’idea tira l’altra, che ne diresti di brevettare un format di reality che abbia come plot la storia di un gruppo di abitanti di Chiaiano che picchettano la discarica? Rabbia, amore, trsitezza, povertà, lacrime…gli ingredienti ci sarebbero tutti.

    Dai, da uomo di tv potresti sviluppare l’idea! A meno che il mago silvio, da proprietario di tv, non l’abbia già brevettata lui e Bertolaso non sia che un “Fede” in miniatura che esegue gli ordini del capo.

  2. umberto ingrosso

    La situazione “monnezza” non si potra’ mai considerare risolta totalmente,se si vorra’ utilizzare come riferimento,per Napoli,il centro di Udine.Dunque questo problema,in simili termini,dura da secoli.Il perchè lo sappiamo:un’aliquota di Campani è purtroppo costituita da incivili.Se Bertolaso ha dovuto mettere le telecamere nella discarica,cio’ prova che la “popolazione”locale è in cerca dell’incidente:come dimostra l’incendio delle ecoballe ed il lancio di pietre contro la Polizia,tra ieri ed oggi.Questa “popolazione”è costituita da facinorosi di provenienza locale aizzati dall’Estrema Sinistra,mischiati a delinquenti comuni,delinquenti politici dei “Centri Sociali”,forse camorristi:questi sono i nemici di questo Governo.Di avere nemici simili,Berlusconi puo’ esserne orgoglioso:mancherebbe altro che li avesse per amici.Presto rivedremo all’opera quest’accozzaglia molto lontano da Napoli:a Vicenza,sulla questione “Dal Molin”.Mancheranno i Camorristi,per il resto ci saranno tutti.E’ ora di far scattare le manette,per risolvere questo problema.L’Italia non deve essere governate da minoranze violente,ma dal Governo eletto dal Popolo.E che si debbe riuaffermare un principio cosi’ banale è la prova della gravita’ della situazione.Chi ha ascoltato a PORTA PORTA,ieri sera, lo Sbirro Giustizialista ha capito che non siamo che all’inizio di un progetto di delegittimazione della volonta’ popolare.

  3. Enrico Di Roberti

    Per umberto…
    Capisco il tuo punto di vista… ma è di parte…
    Solo chi vive, come me, la realtà dei rifiuti a Napoli sa che essa è molto più complessa di quello che vogliono far apparire… e la politica ha altrettante responsabilità della Camorra ( Cosentino e Landolfi ne dovrebbero sapere qualcosa)…

  4. umberto ingrosso

    Caro Enrico,se la realta’ dei rifiuti a Napoli è complessa,perchè accusare Berlusconi da parte vostra? E’ venuto da voi per la nona volta,ed ha detto parole belle e giusta sui Napoletani: ha detto che Napoli puo’ diventare un esempio per l’Italia.Sappiamo che in Campania ci sono Comuni che riciclano piu’ di Bolzano.Questo è un esempio,della capacita’ potenziale che c’è nelle popolazioni di tutto il Sud,di vincere qualunque sfida,volendo.Allora molliamo(parlo al plurale,visto che sono nato a Bari)i NO GLOBAL,lo Sbirro Giustizialista e tutta l’altra accozzaglia e diamoci da fare.

  5. possibile mai che debba venire “il signore di arcore” a risolvere il problema dei rifiuti a napoli?????il problema è educare i cittadini alla differenziata attraverso il reale impegno delle istituzioni locali e in primis dell’ ASIA.non serve fare propaganda o demagogia ma risolvere realmente la questione,puntando sui giovani,aumentando i bidoncini per il riciclo della carta,iniziando di fatto la raccolta porta a porta,monitorando l’intero ciclo e costruendo(0 ultimando)i termovalorizzatori (e non inceneritori)!!!potrei continuare ma preferisco fermarmi qui.

  6. sia chiaro:meglio il termovalorizzatore controllato con un adeguato sistema di tritovagliatura nei cdr che non discariche inquinanti a cielo aperto legali e non

  7. umberto ingrosso

    Che le telecamere della Discarica di Chiaiano rischino di mostrare uno spettacolo piu’ edificante di certa TV è possibilissimo.Prendiamo,a puro titolo di esempio,” PORTA A PORTA” di Giovedi’ 1 Ottobre scorso.Ospite,oltre ad altre figure che apparvero subito di interesse minore,era lo Sbirro Giustizialista.Nella nostra Giustizia deve essere successo qualcosa di curioso,se ci hanno operato contemporaneamente due purissimi eroi come Falcone e Borsellino,e questo personaggio.Per lui,la Legge non è che uno strumento col quale regolare i conti con chi non gli piace:naturalmente,quello che gli piace meno è il Cavaliere:lui sogna di buttarlo giu’ dal cavallo sul quale lo ha posto l’Elettorato e di trascinarlo in manette in qualcuno di quei Tribunali Bolscevici che punteggiano l’Italia:a partire da quello della sua Milano.Tra tanto altro,”Mi scta’ qqua’”ha detto ad un certo punto,toccandosi la pancia prominente da commerciante di maiali.Per lui vota il 5% degli Elettori.TELEDISCARICA BOLSCEVICO-BORBONICA avrebbe in loro un’affezionata clientela di telespettatori.

  8. Come al solito u(e non U)mberto ingrosso eccede di faziosità. Facile criticare lo “Sbirro giustizialista”, le “procure bolsceviche”. Di Pietro rappresenta un opposto. Peccato che tu tu, u., sostieni l’esatto opposto, il berlusconismo, che ha propagato la cultura dell’illecito, dell’illegalità e del cinismo.

    Berlusconi è stato eletto. Ma questo non gli consente di agire al di fuori delle fondamentali regole della democrazia e del nostro ordinamento costituzionale. Ma pazienza, non guarirai mai… E sarai il primo ad esultare quando sarà eletto al Colle, imbevuto nella tua ideologia, che paradossalmente proviene proprio da certe televisioni private milanesi che non hanno nulla a che invidiare a TELEDISCARICA BOLSCEVICO-BORBONICA.

  9. P.S. immagino che avrai goduto quando per l’ennesima volta Di Pietro è stato linciato da Bruno Vespa. Ah, ma è vero…voi siete i giornalisti dei fatti

  10. @ manuele e umberto: rientrate in topic, grazie. Se volete continuare, scambiatevi le mail.

  11. consiglio a tutti di studiare il modello moncalieri sulla differenziata come riportato oggi dal tg2 costume e società

  12. umberto ingrosso

    Mamma,Emanuele mi odia!Mamma,sgridalo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...