Le ragioni degli altri

Prima di entrare in Parlamento, non sapevo neppure che cosa fossero. Ora mi ci sto appassionando, perché le indagini conoscitive sono, secondo me, uno strumento utilissimo: uno dei punti di contatto più limpidi fra la politica e la società, fra la cerchia ristretta di noi eletti e le complicatissime sfumature del mondo che pretendiamo (in senso buono) di rappresentare. Per dirlo in termini giornalistici, un’indagine conoscitiva è una specie di inchiesta: si deve legiferare su un problema e si decide di sviscerarlo, ascoltando tutti i soggetti coinvolti nei vari aspetti del problema stesso. Parli di calcio (sono tarato, lo so)? Senti le società, i tifosi, i giornalisti, i calciatori, gli allenatori, gli arbitri, i procuratori, le emittenti televisive, la Fifa, l’Uefa, la Lega, la Figc, il Coni, i dilettanti. Se sei un giornalista, alzi il telefono (oppure i tacchi, o entrambi) e ti metti alla ricerca: mi ricordo un’inchiesta in 5 puntate sull’Islam in Italia che feci per La Sicilia, qualche anno fa, con tanto di visita alla moschea di Roma. Se sei un parlamentare, invece, devi solo metterti la giacca ed andare in Commissione: nel giro di una o due settimane, sfileranno tutti davanti a te, spiegandoti le loro ragioni. L’indagine conoscitiva che stiamo affrontando nella IX Commissione (Trasporti, Poste e Telecomunicazioni) riguarda la banda larga: un argomento che ho già trattato nei giorni scorsi, parlando di digital divide. Da allora, abbiamo ricevuto in audizione una bella fetta di mondo: operatori telefonici (Wind, Alcatel e Vodafone), emittenti televisive (Sky e La7), sindacati (Cgil, Cisl, Uil e Ugl), autorità di garanzia (Agcom e Antitrust), associazioni di enti locali (Anci, Uncem) oltre, naturalmente, al rappresentante del governo, il sottosegretario Paolo Romani. Le sfumature degli interventi potete facilmente immaginarle: chi premeva per la fibra ottica, chi si preoccupava per i centri abitati di piccole dimensioni che rischiano di venire tagliati fuori, chi del ruolo dominante di Telecom, chi chiedeva una tassa sull’utilizzo delle nuove reti a fini commerciali… e tu, ascoltandoli uno dopo l’altro, trovavi in ciascuno un pezzetto di ragione. Può essere una banalità quella che sto per dire, ma l’indagine conoscitiva è un modo di fare politica che mi piace molto: è la complessità del reale di fronte alla banalizzazione che spesso la politica ne fa, mettendo lo slogan davanti al contenuto. Mi chiedo, dopo aver sentito tutte queste voci, che cosa farei se fossi io alla guida del Paese. E mi ritrovo come Socrate: ogni giorno più ignorante, ma desideroso di sapere.

Annunci

4 risposte a “Le ragioni degli altri

  1. Una voce tardiva, che si unisce ad altre già levatese: ricordatevi dei piccoli centri!!!! Lo so che tante cittadine, come la mia, hanno lo stesso valore strategico, per un’azienda, di una sola strada di Roma. Ma…. è un po’ scomodo restare stritolati sotto il tacco del digital divide… e limita tantissimo chi con internet ci deve lavorare, e non può che viaggiare a passo di tartaruga col 56k.
    Ricordatevi di noi, mi appello al ruolo di garante della giustizia sociale che vi è demandato.

  2. Enrico Di Roberti

    Oltre alle piccole reti… altra priorità è il Wi-MAx…
    Che risolverebbe i problemi di TUTTI i paesi…
    Ma che sia GRATIS (o al limite ad un prezzo decente) come lo è in Europa….
    Andrea…contiamo su di te!!!!

  3. umberto ingrosso

    ma come,non c’è il 2 senza il 3,qui siamo ancora a 2 commenti,ed è il 23 sett alle 19,14.ecco una spintarella per arrivare a 3:adesso pero’ decidetevi a scriverlo per l’ennesima volta:”..sei grande,Andrea…”.Che è un bel contributo,alla crescita del Paese.

  4. @ umberto ingrosso: stai migliorando, vedo con piacere… 😉 Ma possibile che queste indagini conoscitive non vi ispirino nulla? A me piacciono così tanto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...