All’ombra del cupolone

all\'ombra del cupolone

Molti articoli dei giornali di oggi accostano il Papa a Tremonti: merito (o colpa, fate voi) dell’Angelus di ieri, il primo da Castel Gandolfo, in cui Benedetto XVI invitava i partecipanti al G8 a preoccuparsi dei poveri e condannava “le speculazioni e le turbolenze finanziarie, con i loro effetti perversi sui prezzi degli alimenti e dell’energia”. L’allusivo sillogismo è il seguente: nel suo libro, “La paura e la speranza”, il ministro dell’Economia attribuisce i mali del mondo alle speculazioni finanziarie; nella preghiera domenicale, il Pontefice denuncia questo problema; ergo, Tremonti è il ghost writer del Papa (o viceversa). Scrive testualmente Il Messaggero: “Probabilmente Giulio Tremonti non si aspettava di poter presentare a Bruxelles il suo piano contro il caro-petrolio proprio all’indomani di un’esortazione papale che ricorre alla sua stessa terminologia”. Tu, cattolico del Centrosinistra, sei forse geloso che il Papa sia d’accordo col governo? No, se il governo dice cose di buonsenso. Oltre tutto, vorrei vedere un faccia a faccia tra il Papa e Tremonti sui fondi alla cooperazione internazionale, prima di trarre conclusioni affrettate. Ma il discorso che volevo fare è un altro. Sempre sui quotidiani di oggi, poche pagine più avanti, ha grande spazio la polemica tra la Curia di Milano ed un altro ministro, Maroni: merito (o colpa, anche qui fate voi) della vicenda di via Jenner, dove i musulmani ormai non entrano più nel garage adibito a moschea e si mettono a pregare sui marciapiedi. Maroni li vuole sfrattare, mons. Bottoni gli dà del “fascista”. “La Chiesa ce l’ha con la Lega?”, gli chiede il Corriere della Sera. “No, Avvenire ci tratta benissimo e ci ha dato ragione sui rom”, risponde Maroni. Al quale andrebbe ricordato che Famiglia Cristiana, invece, ha appena massacrato Berlusconi sulla questione delle impronte digitali ai bambini nomadi, e che Castelli se l’è presa parecchio, accusando Famiglia cristiana di “non rappresentare nessuno” e di non farsi i cavoli suoi. Tu, cattolico del Centrosinistra, sei forse orgoglioso che i paolini diano mazzate ai tuoi avversari? Un po’ sì, visto che ne hanno date pure a noi, ma il discorso che volevo fare non è neppure questo. Il discorso che volevo fare, in realtà, è una domanda secca: ma perché, onorevoli colleghi (e quando dico colleghi penso pure ai giornalisti), non la finite di lamentarvi delle intrusioni della Chiesa se poi vi fa comodo tirarla continuamente per la giacchetta?

Annunci

5 risposte a “All’ombra del cupolone

  1. Il Papa ha fatto un appello agli stati condivisibile. Non credo che in Italia qualcuno possa sentirsi in disaccordo con tali parole. Allora come possono i tuoi colleghi litigare (e strumentalizzare) pure in questo caso???

    Il Papa fa appelli, Berlusconi Tremonti e soci dovrebbero invece preoccuparsi di METTERE IN ATTO le cose, non lanciare appelli a loro volta! Se tutti lanciano appelli nessuno farà mai niente.

    Pcchè pcchè pcchè
    pcchè ‘o papa nun è ‘o rre…

  2. Provo a rispondere alla tua domanda (retorica?).
    La Chiesa Cattolica è l’unica organizzazione a livello mondiale in grado di formulare proposte di sviluppo globale che prescindano dai temi del guadagno economico, della sopraffazione e dell’egoismo. E’ quindi, nella realtà, l’unica voce di “verità” che si può ascoltare nel mondo.
    E la verità, quand’è di comodo, fa piacere sentirla e ripeterla, ma quando è scomoda, la si combatte con tutte le armi, anche nel senso materiale della parola “armi”.

  3. Caro Andrea,

    questa delle giacchette tirate da una parte o dall’altra è un viziaccio legato al modo in cui si fa informazione religiosa. Ricordo una (sana) provocazione del mio ex arcivescovo, il cardinale Martini, che una volta disse che il modello di riferimento per chi vuole raccontare la Chiesa dovrebbe essere il giornalista sportivo più che quello della cronaca politica. Non penso avesse in mente Biscardi, ma l’idea che la fede andrebbe raccontata (e commentata dai politici) come un evento che ha dinamiche e regole sue, che non puoi imbrigliare da una parte o dall’altra della barricata.

    Al di là di questo, però, mi preme riprendere il discorso Tremonti. È vero, bisogna che sulla speculazione finanziaria la politica non si limiti alle prediche. E soprattutto chiami le cose con il suo nome. Perché la “speculazione finanziaria” non sono quattro signori cattivi che in un posto lontano si mettono d’accordo per affamare la gente guadagnando (solo loro) un sacco di soldi sui prezzi di petrolio e cecreali. La “speculazione finanziaria” sono una serie di prodotti che ci offre la nostra banca sotto casa. Per combatterla servono convenzioni internazionali che – ad esempio – mettano al bando i “futures” sui prezzi del grano e altri strumenti del genere inventati dai “finanzieri creativi”. Più che sulla “Robin Hood tax” (che alla fine pagheremo noi consumatori) staniamolo su questo il “pio” Tremonti.

    Giorgio Bernardelli

  4. Mah, più che la speculazione finanziaria, in Italia, il problema è il gettito che deriva dalla speculazione finanziaria: 12,5% sul capital gain è pochino… Tremonti mi dovrebbe spiegare perchè tassare gli utili delle società petolifere piuttosto che portare ad un umano 20% le rendite finanziarie (anche di chi ha guadagnto il 300/400% con i futures legati al petrolio)…

  5. Ha ragione Fabio. Chi guadagna col sudore paga 20-30% e più di tasse, mentre chi guadagna attraverso manovre puramente finanziare paga il 12,5%…

    Per magociclo: la mia domanda era semi-retorica… nel senso che in partenza era retorica, ma poi ho letto la risposta con piacere 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...