Dormo tranquillo

legge 40 fecondazione assistita

Ci sono momenti in cui devi prendere una decisione in un secondo, e non puoi tirarti indietro. Momenti in cui devi dire – prima di tutto a te stesso, poi a chi ti è intorno – da che parte stai, sapendo che questo potrebbe avere conseguenze sul tuo presente e sul tuo futuro, sull’opinione che gli altri avranno di te. Momenti in cui devi scegliere se seguire la voce della coscienza, che ti grida una cosa, o quella della ragion politica, che te ne consiglia un’altra. Alla fine – dopo quel secondo di riflessione, che però ti sembra una vita – propendi per la voce della coscienza, e poche ore dopo ritrovi il tuo nome sotto un comunicato stampa che contesta l’iniziativa dei radicali di rimettere in discussione tutta la legge sulla fecondazione assistita. “Non partecipiamo al seminario dell’intergruppo parlamentare ‘Coscioni/Welby’ – dice il testo, pubblicato ieri – perché il suo obiettivo sembra un vero e proprio accanimento contro la legge 40 del 2004, approvata dal Parlamento e sottoposta a referendum popolare. Riteniamo scorretto, e per taluni aspetti aberrante, selezionare scientificamente ed eticamente gli uomini e stabilire, su queste premesse, se una persona ha diritto oppure no a nascere. Il dono della vita si trasforma in diritto alla nascita e all’esistenza e dallo stesso concepimento scaturisce il dovere delle istituzioni a favorire quanto indispensabile per la tutela, la garanzia e la promozione della vita. La condanna alla selezione eugenetica è una conseguenza necessaria e per noi ovvia, nello svolgimento del nostro mandato parlamentare. Questa infatti è anche la contraddizione delle ultime linee guida che affermano: ‘E’ proibita ogni diagnosi preimpianto a finalità eugenetica’, ma nei fatti consentono un’applicazione eugenetica della legge. La legge 40 risponde al desiderio delle coppie infertili o sterili di avere un figlio e non è stata pensata e approvata per le coppie con malattie genetiche ereditarie. A loro serve porre attenzione potenziando la ricerca sugli ovociti, così da non distruggere gli embrioni, che sono vita. Sfidiamo il nuovo governo a realizzare quanto necessario per garantire il diritto alla vita e valuteremo con rigore le scelte che assumerà in merito all’applicazione della legge 40. In campagna elettorale, chi oggi governa ha speso parole molto chiare e ha istituito perfino un sottosegretariato ai temi etici. Non vorremmo che anche questa fosse una ‘bugia’ come il quoziente familiare, la diminuzione delle tasse e tante altre promesse allettanti”. Lo abbiamo firmato in 12, sapendo che una polemica con i radicali (e di riflesso anche con Livia Turco, autrice delle linee guida della legge 40) non è, in questo momento, una boccata d’ossigeno per il Pd. Mi chiameranno teodem (qualche agenzia di stampa lo fa già), mi guarderanno storto… ma almeno dormo tranquillo.

Annunci

9 risposte a “Dormo tranquillo

  1. umberto ingrosso

    Incidentalmente,coloro che vogliono le Manipolazioni Genetiche,l’aborto facile e le conquiste dell’Eugenetica che riempirebbero di orgoglio Hitler sono gli stessi che si oppongono alla schedaturadei ROM(Il cui scopo è di impedire la compravendita dei bambini),che vorrebbero Berlusconi in galera,che sono pronti a tentare la delegittimazione di un Governo democraticamente eletto.Non ci si nasconde dietro un dito,quando si è seguaci della Politica della Menzogna.Personalmente,per venire al tuo intervento,non ho mai capito come un Cattolico possa stare a lungo in compagnia di chi porta con sè l’eredita’ di una filosofia,il Marxismo,che ha sempre fatto del disprezzo per l’Uomo e per la sua Religione uno dei fondamenti della sua identita’ politica.Se davvero vuoi dormire sonni tranquilli,dovrai andartene dal PD,prima o poi.

  2. Non riesco ad appassionarmi ai cosiddetti temi etici e al conseguente dibattito sul ruolo dei cattolici in politica, che pure mi pare siano così alla moda. Questo per tre considerazioni:
    1. tutti i temi sono inquadrabili in una prospettiva etica: l’ambiente, la povertà, l’istruzione, la sicurezza, i diritti civili…in questo senso ogni argomento politico è un tema etico, non solo quelli legati allo status giuridico delle coppie o alla genetica.
    2. in Italia, i cattolici sono in politica da molto prima che esistesse l’Italia e, fortunatamente, non ne sono mai usciti: potere temporale del papato, patto Gentiloni, patti lateranensi, popolarismo cattolico e potere DC, finanza cattolica, giornali, scuole, università, ospedali, aggregazioni imprenditoriali ecc. ecc.: difficile che 7 o 8 radicali cancellino tutto questo, non credete? I radicali continuano a fare notizia solo perché, paradossalmente, i cattolici se ne dichiarano spaventati. Per esempio, delle proposte economiche e sociali dei radicali – assai più spaventose secondo me: es. abolizione del servizio sanitario nazionale pubblico – chi se ne ricorda?
    3. il meglio del popolarismo cattolico – cooperative, sindacati, associazioni, welfare sussidiario e tantissime altre cose fondamentali per l’Italia – non ha fatto la storia occupandosi di temi (cosiddetti) etici ma di temi sociali.
    Ad esempio mi chiedo: è più cattolico il finanziamento pubblico alle scuole private cattoliche o il potenziamento di una scuola pubblica che consenta lo sviluppo pieno della persona umana, senza discriminazione alcuna: si veda in proposito l’art.3 della Costituzione, alla cui stesura i cattolici hanno dato un contributo fondamentale?
    Oppure: la famiglia la si sostiene impedendo agli omosessuali di avere diritti economici (pensione di reversibilità, sostegno al reddito, agevolazioni su fitto o acquisto di casa) o aprendo più asili e impedendo speculazioni assurde sul costo dei pannolini o del latte in polvere?

  3. Grazie della tua testimonianza!
    FINALMENTE!!!

  4. Sai Andrea,un’idea l’avrei.Tu e gli altri Cattolici uscite dal PD,fondate un Gruppo Parlamentare a parte,tentate per 3 anni di convincere Pezzotta,che è un galantumo,ad unirsi a voi con i suoi ,per fondare un nuovo Partito.Nel 2012 fate un sondaggio sul gradimento dell’Elettorato,in vista del 2013.Va bene?Va bene.Non va bene? Entrate nel PDL come Sinistra Cattolica:il PDL è un grande Partito Popolare con forte vocazione sociale:la gente non lo sa perchè i Media asserviti lo nascondono,ma i fatti parlano chiaro.C’èpiu’ socialita’ nelle azioni e nei progetti di Tremonti che in tutta la Sinistra.E quanto alla compagnia,non ti procurera’ crisi di coscienza,sui temi che hai elencato.La mia è un ‘idea:poi,ce ne saranno di migliori.Di mestiere non faccio il politico:in compenso,come qualcun altro,ogni tanto faccio l’elettore.

  5. “Di mestiere non faccio il politico:in compenso,come qualcun altro,ogni tanto faccio l’elettore.”

    Nel senso che ti pagano per avere il tuo voto? e come ti pagano i galantuomini del PDL, con perline colorate di vetro o anelli per il naso?

  6. @ umberto ingrosso: qui c’era un tuo commento, pieno di accuse personali (verso alcuni utenti del forum ed altre persone pubbliche), che ho cancellato. Ti prego di rispettare la policy del blog, che puoi leggere facilmente nella pagina ad essa dedicata. Lo scambio di opinioni è anche simpatico quando c’è di mezzo una punzecchiatura, ma l’ironia è diversa dall’attacco frontale.

  7. Caro Andrea, se dovessi entrare nel PdL per difendere i valori della famiglia, ricordati di metterne su almeno un altro paio: non facciamo che, per fretta o distrazione, poi fai scendere la media degli altri leaders.

  8. Io tanto tranquillo non dormirei sapendo che dei parlamentari possano scrivere :” stabilire, su queste premesse, se una persona ha diritto oppure no a nascere” … Perchè dire che una persona che ancora non esiste abbia un diritto, cioè quello di nascere, fa parte di una logica ribaltata. Preferisco mi diciate “Dio lo vuole”. Ma non usate argomentazioni pseudorazionali.

  9. Visto che l’On Andrea Sarubbi ha inventato la censura,caro Magociclo,ti rispondero’ in maniera assai pacata.Che tu sia un mago ho dei dubbi:è sul ciclo che mi convinci.Qualunque sia il tuo sesso,devi soffrirne,del ciclo,visto questa tua reazione un tantinello scomposta.D’altronde,sai, io appartengo a quella maggioranza culturalmente ignorante e civilmenta inadeguata della quale Scalfari parla a proposito del voto di Centrodestra:un’idea un tantino fascistella,quella di presupporre che 2/3 degli Italiani siano indegni di governare,qualunque sia il risultato elettorale.Il busillis tu l’hai risolto,birichino:Berlusconi ci paga uno per uno,15 milioni quanti siamo,e che tu abbia scoperto l’ennesimo complotto Berlusconiano non mi meraviglia per nulla.Tu,a tua volta,appartieni a quella maggioranza colta,sensibile,scettica e tollerante che detiene,senza per nulla vantarsene,il monopolio della Verita’ e della Giustizia.Incontrarvi non è difficile:vi si trova nelle strade,nelle piazze,sui tram e vi si riconosce subito:l’aria assai pensosa,REPUBBLICA sotto l’ascella.Che invidia,perdio,poter essere uno di voi! Che invidia,poter sfoggiare quell’esagerato quoziente d’intelligenza che l’on D’Alema vanta in modo,peraltro,cosi’ modesto e rispettoso.Che invidia,essere cosi’ raffinati da poter ridere delle battute della Litizzetto:un tantino volgari,visto che corrono in fascia protetta:ma chi se ne frega? La Sinistra,in nome di piu’ sublimi Ideali,non ha forse inventato la Trasgressione?La tesi di Scalfari progredisce,vista l’arroganza con la quale si ignora perfino il Presidente della Repubblica,e ci si riserva di votare positivamente l’immunita’alle principali figure istituzionali”nella prossima legislatura”.Non in questa,indegna di un elementare diritto Costituzionale. L’8 Settembre 1943 ci ha rivelato che ogni Comunistoide non è che un Fascistoide fallito.A 65 anni di distanza,siamo ancora a quel punto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...