La comunità sbriciolata

Nella settimana del valzer di Chiaiano e dell’incendio anti-rom di Ponticelli, un deputato della Repubblica eletto nel collegio Campania 1 dovrebbe avere qualche pensiero per la testa. E qualche motivo per rifiutare un invito, arrivatomi tempo fa, di presentare un libro a Striano, uno degli ultimi paesi della provincia di Napoli, al confine con quella di Salerno. Tanto più se il libro non parla di rifiuti o di convivenza, ma dei tesori artistici della parrocchia di San Giovanni Battista. Invece ho deciso di andare lo stesso, perché quel libro mi ha offerto diversi spunti di riflessione che volevo condividere con altri. Ripensavo a Ponticelli, alla guerra tutti contro tutti, alla sindrome Nimby che ha colpito ormai tutti i comuni napoletani nei confronti delle possibili discariche: quello che sta avvenendo oggi è il contrario del concetto di comunità, che invece emergeva forte dal testo. Una comunità, quella di Striano, riunita per secoli intorno alla parrocchia, che ne ha accompagnato i momenti felici e quelli più difficili. Si può essere credenti o non credenti, baciapile o anticlericali… ma non si può negare – e credo non lo faccia nessuno – il grande lavoro che sta svolgendo la Chiesa campana nella ricostruzione di un tessuto civile ormai sbriciolato. Di questo, appunto, parlavo ieri sera nella parrocchia di Striano, dove – fra i vari capolavori presenti – campeggia un bellissimo dipinto di Protasio Crivelli, pittore lombardo trasferitosi in Campania tra il 1498 e il 1506: bei tempi, quelli in cui i milanesi venivano a cercare lavoro a Napoli.

Annunci

Una risposta a “La comunità sbriciolata

  1. In fin dei conti, anticamente, in quelle contrade i centri, i comuni, le “università” avevano, tra i requisiti per essere indipendenti, la necessità di avere una loro chiesa. E davvero attorno ai campanili sono fiorite nel corso dei secoli reti di interconnessione solidale. Dove sono sopravvissute, e dove si sono sbriciolate… I fattori che hanno determinato questi stati di cose sono tantissimi e complessamente articolati. Beh, rimbocchiamoci le maniche. No, onorevole? (Ah, ma eri a pochi km da casa mia… se lo sapevo venivo a conoscerti di persona. Ti pungolavo, costruttivamente, live…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...