Qualcosa è cambiato

L’ultima volta che ero stato ad Ischia avevo trovato un sindaco dimissionario, una maggioranza spaccata, un Partito democratico ancora inesistente: in Consiglio comunale convivevano, infatti, il gruppo dei Ds e quello della Margherita, divisi da frizioni sempre meno sostenibili. Così, con un atto di coraggio, Giosy Ferrandino aveva deciso di rimettere il suo mandato da sindaco: se non si fosse trovato un accordo nel giro di poche settimane, il Comune di Ischia sarebbe stato amministrato da un commissario fino alla prossima tornata elettorale, presumibilmente le Europee del 2009. Dopo un mese, ieri ho rivisto Giosy. Che ha vinto la sua battaglia ed è rimasto sindaco: ha convinto Ds e Margherita a confluire nel gruppo del Partito democratico, ha proceduto ad un rimpasto coraggioso infrangendo le regole non scritte del bilancino, ha mantenuto nella giunta l’Udc e addirittura ha “inglobato” un consigliere indipendente, cominciando il secondo mandato con una solidità ancora maggiore. Finora avevo sempre citato Ischia, nei miei discorsi, come esempio di divisioni interne, al pari di Cercola e Grumo Nevano (dove infatti siamo stati battuti alle amministrative). Ma qui, per fortuna, qualcosa è cambiato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...