La talpa

talpa

Probabilmente sono ancora troppo giovane e puro. Un romantico delle parole. Uno che quando si dice “riunione a porte chiuse” pensa che le porte siano chiuse davvero. Invece, alla riunione dei deputati Pd di oggi pomeriggio c’era almeno uno spiffero: neanche il tempo di tornare a casa e di accendere il computer, che gran parte delle cose dette nella sala conferenze di Palazzo Marini erano già sulle agenzie di stampa. Con tanto di ricami, perché magari chi riferiva ci ha messo del suo e la cronista dell’Ansa ha condito un altro po’. E domani si ricamerà ancora, con i commenti degli editorialisti e le reazioni dei nostri avversari. Così, in attesa di sapere dai giornali (o dal prossimo libro di Vespa) che cosa è successo veramente oggi pomeriggio, mi limito a raccontarvi le mie sensazioni. Ho visto, finalmente, un dibattito interno: quattro ore di interventi schietti, che mi hanno permesso di cogliere le diverse sensibilità all’interno del partito. Ho riempito 6 pagine di appunti, senza però prendere la parola: un po’ perché ce n’erano già 24 in lista, molto perché la mia condizione di neofita mi impone innanzitutto l’obbligo di ascoltare. E non è facile, per uno come me. Così, di tutte le parole ascoltate, mi porto dentro un pezzo dell’intervento di Pierluigi Castagnetti: “La cosa più difficile è imparare ad ascoltare, che non significa essere cortesi. Spesso, per un politico ascoltare gli elettori significa parlare agli elettori. Invece, è tutto il contrario”. Ecco, è un peccato che concetti come questi alle talpe non interessino mai.

Annunci

6 risposte a “La talpa

  1. Già,
    peccato che nel tuo partito
    castagnetti conta quanto il due di briscola, o anche meno.
    Il tuo capo è dalema.
    E se tu avessi rotto indugi e timidezza e ti fossi alzato per fare il tuo intervento
    NON AVRESTI CAMBIATO DI UNA VIRGOLA
    i loschi piani di dalema, livia turco e la torre.
    Cmq piu vedo che ti trovi a disagio li dentro
    piu mi diventi simpatico.
    Andrè, DA SEMPRE
    i comunisti
    usano i cattolici
    come utili idioti.
    Ficcatelo bene in testa!
    Se tu non avessi condotto un programma cattolico televisivo NON TI AVREBBERO NEPPURE CONSIDERATO, “gli servivi”, lo sai bene.E queste non sono offese ma parole di un amico della tua stessa classe(71)che conosce molto bene ste cose. E fortunatamente per me non ho avuto ubriacature fucine, acliste o progressiste in genere. Anzi alla fuci padovana facevano di tutto per eliminarmi, tagliavano i pezzi miei del giornale dove parlavo dei SACRAMENTI, inneggiavano a dossetti(allora ancor vivo seppur moribondo). Mi ricordo una cosa: arrivò un avviso, un normale avviso dell’allora cdu: RICORDO LA RABBIA E IL LIVORE CON CUI UN RAGAZZO STRACCIO IL FOGLIO CON LO SCUDO CROCIATO(E NON ERA IL PRESIDENTE!).La fuci padovana(e buona parte della diocesi)era già ansimante e bramava, spasimava l’amplesso peccaminoso coi compagni.
    Andrè, non sono chiacchere queste.
    Ogni Bene.
    (Buon lavoro.)
    cosimino

  2. Andrea, “…troppo giovane e puro?”. Ma dai, tira fuori l’ardore e la passione che avevi quando entravi in diretta, usa le tue parole affilate e precise e batti un colpo! Ascoltare va bene, è un’ottima regola per iniziare, ma anche un’ottima scusa per i tuoi colleghi per assegnarti d’ufficio un ruolo di “ascoltatore professionale”. Così, quando poi vorrai parlare, sarai sempre quello che sa ascoltare ma non deve parlare.

    Purtroppo la politica è anche l’arte dell’essere presente e partecipe al momento giusto, di saper trovare accordi e mediazioni anche tortuosi per raggiungere gli obiettivi strategici che ci si è posti, di alzare la voce quando sia necessario.
    Da ottimo giornalista, sai che le seconde linee del parlamento sono chiamate “peones”, con un’espressione che da sola dice tutto.
    Il mio augurio ad inizio legislatura è che tu sia non un bravo “peone”, ma un gran “rompiballe”, un personaggio scomodo, un cercatore di verità, uno sparigliatore di carte, insomma, un uomo vero, come ti abbiamo conosciuto negli anni passati.
    Sursum corda!
    (mi sono adeguato al “tu” degli altri commenti. Può andare?)

  3. “i comunisti usano i cattolici come utili idioti”, “l’amplesso peccaminoso dei compagni”…

    …cos’è? un revival della Red Scare o sono precipitato indietro nel tempo senza accorgermene?!

  4. l’amplesso peccaminoso COI compagni.

    Almeno leggi bene, comunista!

  5. Andrea Valentini

    Ma quanto ci piace dividerci in comunisti ed in fascisti… La smetteremo mai? Ogni occasione è buona per formare tifoserie da stadio, fare polemica, e non concretizzare nulla. Ad Andrea vorrei chiedere se pensa sia possibile che in un prossimo futuro qualcuno, dalle sue parti, cominci a fare qualcosa di concreto e non ipocrita per un due o tre cose che ritengo davvero importanti: la famiglia, il lavoro e la cultura. Sarà mai possibile permettere, oltre il diritto ad un lavoro, anche “flessibile” ma non di sfruttamento, che esso sia compatibile con eventuali impegni di famiglia? Intendo un lavoro che non assorba per 50 o 60 ore settimanali come sempre più spesso succede, minando i rapporti affettivi familiari? Non sono infatti d’accordo con la detassazione degli straordinari, che dovrebbero tendenzialmente sparire, per far posto a nuove assunzioni. Il tutto ovviamente anche col dovuto supporto (in questo caso detassazione sì) alle imprese. E la cultura. Quando potremo avere una televisione che riacquisti il suo ruolo di diffusione di cultura? E quando si investirà di nuovo in ricerca, ed in attività di promozione culturale “di prossimità” (diffusione di teatri, librerie, luoghi di scambio e formazione)? Dobbiamo delegare tutto esclusivamente ad internet? O ci sarà la speranza di ridare valore a ciò che il consumismo, anche e soprattutto mediatico, ci ha tolto? Grazie.

  6. povero illuso…..
    nei due anni del peggior governo della republica(e il piu numeroso)
    non han combinato nulla nella direzione che auspichi(mentre han messo mano a dico, pacs e porcherie varie, inclusi gli spinelli e non aver garantito il Papa)

    ed ora vuoi che un onorevolino
    (di minoranza della minoranza)
    possa fare qualcosa???

    o sei stupido(ma NON CREDO PROPRIO)
    O SEI UN POVERO ILLUSO
    come tutti i cattocomunisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...