Ritorno in Vaticano

vaticano

L’ultima volta che avevo messo piede a San Pietro era stato per il battesimo di Assia. Era solo tre mesi fa, ma mi sembra passata una vita: in Parlamento c’erano ancora De Mita, Mastella, Pecoraro Scanio e la Santanchè. Bertinotti era il presidente della Camera, Prodi il presidente del Consiglio, io il conduttore di “A sua immagine”. Ieri Dario Franceschini mi ha chiesto se mi sono già pentito. Per ora, no. Ma spero che si entri nel vivo, prima o poi, perché l’idea di spingere bottoni non mi piace proprio. “A sua immagine”, dicevo: oggi li ho rivisti al lavoro, i miei cari colleghi, alle prese con la diretta della Messa per i 140 anni dell’Azione cattolica. Mentre mi dirigevo fra il pubblico, nelle sedie riservate agli ospiti, ho pensato a quello che avevo lasciato due mesi fa ed ho provato una sensazione strana: un miscuglio di consapevolezza e di spaesamento, che credo mi accompagnerà ancora per un po’. Nella vita normale puoi essere chiunque. Poi, entri in Parlamento e ricominci da capo… gli stessi commenti sul blog, alla fine, testimoniano proprio questo: gli occhi che ti osservano aumentano, la credibilità che hai acquistato prima ora va ricostruita. Tornare a San Pietro, comunque, mi ha fatto un certo effetto. Ho rivisto il Papa da vicino, ho seguito finalmente una Messa senza l’angoscia della diretta, ho ripensato con gratitudine alla mia storia… e soprattutto ho pregato per il compito che mi attende, e che spero di onorare al meglio.

Annunci

4 risposte a “Ritorno in Vaticano

  1. questo è un bel post!

    (per quanto pùo contare la mia valutazione:ma, come hai detto tu, ormai gli occhi puntati su di te son di piu e piu criticio sopratutto!)

  2. è vero che adesso le responabilità che hai sono superiori (o meglio diverse) da quelle che avevi prima…ma di certo l’immagine che uno si crea non si distrugge entrando in Parlamento, che qualcuno vede come una casta, un luogo di fannulloni e pigiabottoni, ma che è pur sempre il cuore della nostra democrazia,lo strumento di partecipazione di TUTTI alla vita politica del paese, senza il quale non ci sarebbe la libertà neanche di scrivere queste frasi.
    La tua storia e il tuo passato non vengono cancellati con un colpo di spugna, sei (e son sicuro che rimarrai) una persona dai valori morali eccellenti, integra,ma soprattutto umana…ecco in cosa non devi omologarti a molti tuoi colleghi in parlamento: non diventare un marziano, estraneo dal popolo e abituè di palazzi e serate mondane (ammetto che per alcuni è una tentazione irresistibile…la tua potrebbe diventare una missione di CONVERSIONE!!!ihihih)
    Comunque, non per fare il tuo cavalier servente (ti difendi benissimo da solo…) vorrei anche io lasciare un messaggio a questa persona che si è presa la briga di essere il tuo controllore/punitore: non approfittare dell’apertura di Andrea, che senza paure dialoga sul blog con i suoi elettori e lascia che lavori con serenità…per quello che fai e dici su questo blog, ti rimando alla definizione di STALKING…

  3. @ cosimo de matteis: qui c’era una tua risposta a Marco Usai, che ho cancellato. Non è questo il luogo degli attacchi personali, mi dispiace. Come ti scrivevo in privato, se continua così introduco un moderatore. Vorrei che questo fosse un luogo di confronto, non di scontro. E mi piacerebbe lasciare i commenti liberi. Ma più passa il tempo, più mi pento.

  4. ma dai, pensa ai trenta milioni e ti passa tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...